Uncategorized

Altri Disturbi Dell’eiaculazione

Chi ne soffre raggiunge normalmente l’orgasmo e prova la sensazione di avere effettivamente eiaculato, anche se dal pene esce pochissimo sperma o non ne esce affatto. Crea il tuo profilo, scegli la specialità medica, fissa il giorno, l’ora e completa la prenotazione. Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. A mio avviso, questo modo di vedere, consente di integrare ragionevolmente la passata teoria che vedeva l’eiaculazione precoce solo come un semplice comportamento viziato, con la recente interpretazione “biochimica” circa le origini del disturbo. Recenti dati scientifici indicano che all’origine dell’eccessiva velocità del riflesso, ci possa essere proprio un’ alterazione della biochimica dei centri nervosi interessati a modulare i tempi dell’eiaculazione. L’insoddisfazione sessuale diventa infatti un fattore di crisi così profonda da portare alla separazione una crescente percentuale di coppie, in un’epoca in cui la felicità sessuale è considerata un aspetto irrinunciabile della vita personale e di coppia (5-8).

Il trattamento del disturbo eiaculatorio, così come quello erettile, viene affrontato secondo prospettive differenti. Attraverso una eiaculazione precoce infatti l’uomo arrecherebbe dolore e delusione nella donna, che rappresenta la figura materna, e il sintomo, espressione di un conflitto rimosso non diverrebbe cosciente. Le terapie farmacologiche che oggi sono disponibili, infatti, si basano su una molecola antidepressiva che si è rivelata un fallimento perché l’effetto era di assai breve durata. Fra gli effetti collaterali del farmaco c’era anche una sensibile riduzione della libido maschile e femminile . Questo effetto collaterale così forte è stato sfruttato per sviluppare una pillola per allungare i tempi prima dell’orgasmo maschile.

Come viene la voglia di fare l’amore?

Se osservate come si comporta un uomo innamorato anche a 50 anni, noterete che punta a giocare sull’effetto sorpresa o su quei piccoli regali che fanno piacere: andare a fare una passeggiata al mare solo perché ha sentito che vi piace o creare una raccolta del vostro cantante preferito, sono quelle piccole grandi

Il problema principale del trattamento farmacologico è che l’efficacia è limitata alle ore successive all’assunzione della compressa, e quindi da sola questa terapia non è in grado di risolvere in maniera definitiva il problema. Il farmaco deve essere assunto al bisogno, da una a tre ore prima del rapporto sessuale, con un abbondante bicchiere di acqua e puo’ essere impiegato in età superiore ai 18 anni. Deve essere sempre utilizzato sotto controlllo medico e per l’acquisto in farmaci è necessaria la ricetta medica. La qualità dell’intesa sessuale è oggi considerata un fattore essenziale della felicità personale e della soddisfazione di coppia.

Tra le altre cause ci sono i farmaci , la radioterapia, i danni ai nervi, il testosterone basso e le lesioni del midollo spinale. L’aspermia è un problema relativamente sconosciuto, che si traduce nell’assenza di emissione di sperma durante l’eiaculazione. Tuttavia, l’uomo sente ancora l’orgasmo, che provoca anche fenomeni a cascata nel corpo, così come la cosiddetta fase di espulsione. Ansia sociale, ansia da prestazione, depressione, problemi di coppia, insoddisfazione per l’immagine corporea, assuefazione da masturbazione ed esperienze sessuali negative sono tutti fattori che spesso contribuiscono a generare il disturbo. Il primo passo per affrontare l’eiaculazione precoce è un’accurata diagnosi che possa valutare la presenza di fattori organici che causano o mantengono la disfunzione.

Cosè Leiaculazione Precoce?

Dal 2009 è in commercio la Dapoxetina un farmaco della classe dei SSRI con specifica attività sulla eiaculazione. L’assunzione del Priligy 1-2 ore prima del rapporto sessuale è in grado di rallentare l’eiaculazione con modesti effetti collaterali . L’uso dei 5PDEi in alcuni casi si associa ad una certa difficoltà, lentezza, a raggiungere e conseguire l’orgasmo con secondario allungamento dei tempi eiaculatori. É sempre importante che il maschio che sente di non avere dei tempi eiaculatori ottimali si faccia visitare dallo Specialista che possa evidenziare cause collaterali e suggerire le modalità terapeutiche più idonee. Il trattamento dell’eiaculazione precoce si basa di solito su diverse strategie, combinate a seconda delle caratteristiche del singolo paziente. Vasto utilizzo hanno le creme e i preservativi cosiddetti “ritardanti”, a base di sostanze anestetiche, che riducono l’intensità delle sensazioni a livello del glande.

eiaculazione

Nel disturbo da eiaculazione precoce, quindi, l’uomo eiacula prima di quando desidererebbe con conseguente scarso appagamento sessuale proprio e del/della partner. La frequentazione reciproca, la confidenza, l’abitudine ad avere rapporti sessuali infonde sicurezza e dà tranquillità e ciò permette, solitamente, di recuperare padronanza nel gestire le proprie emozioni e adattare i tempi del piacere alle esigenze della coppia. Anche l’adattamento a una nuova partner può alimentare ansia non dominabile, disturbi della personalità e la depressione. Ma soprattutto, va esclusa la presenza di un deficit erettivo primario, che rappresenta il primo indizio in caso di eiaculazione precoce. Risulta complesso tracciare con precisione i limiti e gli ambiti che inquadrano esattamente il disturbo delle eiaculazioni precoce.

< h3 id="toc-1">Ambulatorio Di Urologia E Andrologia Del Centro San Camillo Per Diagnosi E Cura Dei Disturbi Dellapparato Urinario E Genitale

Con il tempo, la pazienza, e il complice supporto della partner si potrà riscoprire il piacere e la soddisfazione dell’intimità sessuale. Baciarsi, coccolarsi, stringersi e abbracciarsi è importante per molte donne ed è apprezzato anche senza un rapporto sessuale; inoltre molte donne considerano i preliminari molto più piacevoli e importanti del rapporto penetrativo. Esse possono trovare frustrante se i preliminari vengono evitati dai loro partner, il cui unico interesse sembra essere il rapporto. La penetrazione può essere piacevole, ma non è mai essenziale per una donna per godere pienamente dell’esperienza sessuale. Sebbene l’eiaculazione precoce sia un disturbo sessuale ben noto, non sono molti anni che è diventata oggetto di ricerca, inoltre di essa manca una definizione scientifica ampiamente accettata.

Ho incontrato, in questi anni, vari pazienti che, passati per mani senza troppi scrupoli, erano stati sottoposti a svariati, e maldestri, tentativi anche chirurgici di risoluzione del problema eiaculatorio. Tentativi che, inseguendo una ipotesi inverosimile, ma purtroppo credibile per chi è angosciato dal problema, di soluzione chirurgica provocano danni a volte anche irreparabili senza ottenere, ovviamente, l’ efficacia dichiarata. Un caso del genere è la resezione del nervo vago che sopprime sensibilità al pene senza alcun ritorno risolutivo sulla eiaculazione precoce, ma con conseguenze drammatiche sulla percezione delle sensazioni e quindi sul piacere.

< h3 id="toc-2">Quanto Velocemente Si Verifica L’eiaculazione Precoce?

L’eiaculazione precoce può essere associata anche a problemi di erezione e questo può complicare la diagnosi differenziale. In alcuni casi l’interruzione dell’assunzione regolare di alcool può portare all’eiaculazione precoce a seguito dell’incapacità di ritardare l’orgasmo in assenza degli effetti della sostanza. Esistono rari casi di precocità eiaculatoria, generalmente transitoria, connessi a cause organiche. Alcuni maschi che interrompono l’assunzione regolare di alcool possono sviluppare l’eiaculazione precoce, dal momento che facevano affidamento, per ritardare l’orgasmo, sull’assunzione di alcolici.

Quanto tempo ci mettono le donne a venire?

La posizione durante l’attività sessuale sembra influire sul raggiungimento dell’orgasmo. Il tempo medio per raggiungere l’orgasmo era di 13 minuti e mezzo.

Di conseguenza, l’EP può essere associata alla presenza di bassi livelli sinaptici di serotonina nelle regioni del sistema nervoso centrale che modulano l’eiaculazione. Inoltre, gli uomini con EP credono che non ci sia un trattamento per la loro condizione. Di conseguenza, solo il 9% di quelli con EP auto-riferita ha consultato un medico e di questo piccolo gruppo quasi il 70% lo ha fatto in una visita programmata per un altro motivo. Del 91% degli uomini che non aveva consultato un medico, il 52,2% ha rivelato di non aver mai considerato questa opzione. NON E’ UNA MALATTIA – Per prima cosa questa conclusione veloce dell’atto sessuale non va considerata una malattia, e nemmeno un disturbo della sessualità. Il maschio della specie umana non differisce in nulla dagli altri animali, e la natura l’ha programmato per eiaculare rapidamente, chissà mai che arrivi un rivale con intenzioni omicide.

Quali Sono Le Cause Dell’eiaculazione Precoce?

Gli esperti parlano di eiaculazione dolorosa quando un uomo, al momento dell’emissione dello sperma, avverte una sensazione di bruciore o dolore a livello di perineo, uretra del pene , area balano-meatale, pelvi e/o testicoli. Una stimolazione sessuale prolungata ha, per effetto, la produzione di un liquido, noto come fluido pre-eiaculatorio. Al momento della sua produzione, il fluido pre-eiaculatorio non possiede spermatozoi; tuttavia, potrebbe contenerli al momento della sua emissione attraverso il meato urinario, in quanto raccoglie i residui di sperma fermatisi lungo l’uretra, durante una precedente eiaculazione. Il volume di sperma e la quantità di spermatozoi emessi con il liquido seminale variano in base a una serie di diversi fattori . A occuparsi dell’eiaculazione, è il sistema nervoso simpatico, attraverso il cosiddetto nervo pudendo.

eiaculazione

Ad esempio lo “stop and start” (ripetuta interruzione del rapporto sessuale in prossimità dell’orgasmo) e lo “squeeze” (blocco eiaculazione tramite compressione esercitata con le dita tra il glande e l’inizio del corpo del pene). L’eiaculazione precoce viene osservata maggiormente in uomini giovani e generalmente è presente fin dalle loro prime esperienze sessuali . Comunque, alcuni uomini perdono la capacità di ritardare l’orgasmo dopo un periodo di funzionamento adeguato.

È definita come persistente o ricorrente ritardo, o assenza dell’orgasmo, dopo una stimolazione sessuale adeguata per localizzazione, intensità e durata. Solitamente l’erezione e’ normale e c’e’ il desiderio di avere un orgasmo, ma c’e’ un’inibizione del riflesso eiaculatorio. Il medico può raccomandare delle esercitazioni al paziente e al proprio partner, si tratta di alcune tecniche per aiutare a ritardare l’eiaculazione. Ad esempio, si può imparare a identificare e controllare le sensazioni che portano maggior piacere e accelerano l’eiaculazione. E si può imparare a comunicare con il partner per rallentare o fermare la stimolazione sessuale. Si può provare a utilizzare un preservativo ritardante per ridurre la sensazione di stimolazione sensoriale.

  • L’eiaculazione può essere particolarmente abbondante per infezioni o ipertrofia prostatica.
  • Al contrario, incoraggiamo a parlarne senza imbarazzo, senza vergogna, senza inutili e insensati sensi di colpa, a parlarne anche con la propria partner e dunque rivolgersi ad un medico.
  • Gli esercizi proposti provengono dalla vasta letteratura sull’argomento e sono scelti con il criterio di rispettare il piu’ possibile la naturale spontaneità del rapporto sessuale e le abitudini della coppia.
  • Come detto, tuttavia, l’eiaculazione precoce coinvolge l’intera coppia, diventando motivo di frustrazione, rabbia, tristezza e insoddisfazione.
  • Il livello di controllo percepito dall’uomo sull’eiaculazione è legato al fatto che egli sperimenta anche conseguenze negative associate alla EP, tra cui il basso grado di soddisfazione rispetto al rapporto sessuale e disagio personale relativo all’eiaculazione.

L’eiaculazione precoce è meglio definita come l’incapacità di un uomo di ritardare l’orgasmo e l’eiaculazione in tal modo da godere di una soddisfacente esperienza sessuale, in assenza di altri problemi sessuali. Un uomo che ha difficoltà a mantenere l’erezione può stimolarsi vigorosamente a tal punto, per sforzarsi di mantenerla, da non riuscire a controllare l’eiaculazione. La partner può soffrire di disturbi dell’eccitazione, che non le consentono di raggiungere l’orgasmo. L’uomo può quindi pensare di soffrire di eiaculazione precoce perchè non è in grado di prolungare il rapporto penetrativo fino a che la partner non abbia raggiunto l’orgasmo. I media non contribuiscono ad una corretta rappresentazione del sesso, mostrando coppie che conducono prolungati ed ininterrotti rapporti sessuali, con l’uomo sicuro di sè e la partner in estasi per i multipli orgasmi. Molte coppie si stupiscono di apprendere che la durata media di un rapporto, dalla penetrazione all’orgasmo, è di circa 5 minuti.