Uncategorized

Come Prolungare Lerezione Senza Farmaci

Tutti e quattro i farmaci potenziano gli effetti dell’ossido nitrico, una sostanza chimica naturale prodotta dall’organismo che rilascia i vasi del pene . In questo modo aumenta il flusso sanguigno che provoca l’erezione in risposta alla stimolazione sessuale. In molti casi un’analisi accurata dello stato di salute generale, presente e passato, è sufficiente per il medico per accertare la disfunzione erettile e prescrivere una cura. Se si hanno malattie croniche o se il medico sospetta che la causa possa essere un’altra malattia, però, potrebbe prescrivere ulteriori indagini o una visita specialistica. Avere saltuariamente problemi di erezione, di solito, non è motivo di preoccupazione; se, però, la disfunzione erettile si presenta con una certa frequenza, ci si deve rivolgere al medico anche se ci si sente in imbarazzo. A volte, per curare la disfunzione erettile possono essere necessari farmaci specifici o altri tipi di interventi terapeutici.

Come aumentare eccitazione donna?

La carenza di libido femminile è direttamente collegata agli ormoni androgeni, ovvero il testosterone, ma anche la dopamina gioca un ruolo importante. Per aumentare la libido femminile è utile assumere degli integratori di vitamina D, magnesio, che aumenta il testosterone libero, antiossidanti e vitamine del gruppo B.

La disfunzione erettile può causare stress, diminuire l’autostima e creare problemi con il/la partner. Ciò significa che oltre 3 milioni e mezzo di italiani presentano un deficit dell’erezione. Queste tecniche sono applicabili ad un numero relativamente ristretto di pazienti ed i successi attualmente non sempre sono brillanti. La seconda possibilità è rappresentata dall’impianto di una protesi all’interno dei corpi cavernosi.

Come Prolungare Lerezione Senza Farmaci

In caso di disfunzione erettile di natura psicogena, l’intervento psicosessuale è indispensabile per individuare e rimuovere i fattori che l’hanno generata. La terapia psicosessuale è utile anche in caso di disfunzione organica o mista per alleviare il senso di ansietà che deriva dal disagio di un deficit erettile. Le cause ormonali sono risolte da farmaci specifici che sostituiscono le sostanze di cui l’organismo è carente oppure bloccano l’attività di altri ormoni in eccesso che inibiscono il desiderio sessuale.

aiuto con l'erezione

Un disturbo dell’erezione può avere una causa endocrina, sia per una carenza di testosterone, sia per un eccesso di ormoni inibitori, in particolare della prolattina. Comunque, l’incidenza complessiva dei deficit erettivi su base ormonale non sembra superare il 5% dei casi. Può essere utile in alcuni casi comunque una valutazione ematochimica generale, del testosterone e della prolattina. Un deficit dell’erezione è un problema che genera paura e ansietà e la prima consultazione riveste un’importanza critica nel determinare un rapporto di fiducia tra il medico e il paziente. E’ richiesta una franca e precisa descrizione del disturbo e bisogna sapere se questo è accompagnato da calo del desiderio, da disfunzioni eiaculatorie o da difficoltà orgasmiche.

< h3 id="toc-1">Disturbi Dei Vasi Sanguigni

Scongiurata l’assenza di cause fisiche, possibili e molto comuni sono le cause psicologiche. Se esistono condizioni come depressione e ansia, il processo di erezione può essere inibito sul nascere. Lo stress legato a particolari condizioni di vita può influire negativamente sulla erezione e sul piacere del rapporto sessuale. Anche problemi di comunicazione con il partner o la cosiddetta ansia da prestazione, possono generare meccanismi di blocco del processo di erezione. A questo punto, perchè un paziente con DE dovrebbe parlarne con il proprio medico di famiglia? Per una serie di motivi, tutti molto validi; innanzitutto per il fatto che, portare alla luce un problema erettivo, può essere la spia per far emergere patologie gravi e potenzialmente pericolose per la vita del nostro paziente.

Un soggetto con una patologia cardiovascolare di qualsiasi tipo presenta un rischio più che raddoppiato di sviluppare un deficit erettile rispetto ad un maschio sano. L’ipertensione arteriosa, condizione estremamente frequente nella popolazione generale, determina una disfunzione erettile in circa il 20% degli uomini ipertesi. L’infarto del miocardio determina un deficit erettile in oltre il 45% dei pazienti e una più alta frequenza di disfunzione erettile si riscontra nei soggetti conictus o altriincidenti cerebrovascolari (circa l’85%). Fattori di rischio importanti sono ildiabete, ilcolesteroloalto, l’obesità, l’ipertensione e l’insufficienza cardiacache interferiscono con il flusso sanguigno nei corpi cavernosi del pene, da cui dipende l’erezione. Se associato anche a un calo del desiderio sessuale, il deficit può dipendere da una riduzione di testosterone nel sangue o a un aumento di prolattina. Si devono considerare anche traumi alla colonna vertebrale, esiti negativi di interventi alla prostata, malattie degenerative come il morbo di Alzheimer, il morbo Parkinson, la sclerosi multipla, la SLA.

Le cause di una erezione debole o assente possono essere molto diverse e hanno origine da uno dei sistemi che funzionano per attivare l’erezione. La causa psicologica più diffusa per ciò che riguarda la disfunzione erettile è l’ansia da prestazione. Per anni quella psicogena è sembrata essere la più comune causa di disfunzione erettile; oggi i dati epidemiologici indicano che spesso è determinata o accompagnata anche da alterazioni di natura organica. I meccanismi attraverso i quali i fattori psicologici possono favorire l’insorgenza di una disfunzione erettile non sono ancora completamente conosciuti.

  • Nel Caraka Samhita ad esempio, uno tra i libri più antichi e autorevoli della Medicina Ayurvedica, in una sezione chiamata Vajikarana, si parla solo di piante afrodisiache.
  • Quando parliamo dell’argomento difficoltà a mantenere erezione, dobbiamo persuaderci che, in presenza di un reale problema, l’unica soluzione possibile per avere delle risposte oggettive, è quella di rivolgersi ad uno specialista come il Dottor Andrea Russo.
  • Il punto di partenza fondamentale, e che quasi tutti gli uomini ignorano, è la giusta condizione psicologica durante i rapporti di coppia per poter avviare in modo automatico il meccanismo fisiologico dell’erezione.
  • Gliintegratori per erezione duraturasono per lo più a base di arginina, carnitina, zinco, vitamine del gruppo B , acido folico, vitamina E e aminoacidi antiossidanti.

Trattandosi di rimedi naturali non è prevista una ricetta per l’acquisto, ma si consiglia di parlarne con il proprio medico e con un erborista. Queste due letture asimmetriche del sintomo offrono una importante chiave di lettura del disturbo e della dinamica psicosessuale che lo accompagna. La cosa migliore è quella di rivolgersi prima possibile ad uno specialista del settore capace di inquadrare con competenza e professionalità le cause di fondo di quella specifica situazione e possa da ciò scegliere la terapia più idonea alla soluzione breve ed efficace del problema. E’ il meccanismo con cui il pene si inturgidisce predisponendosi a compiere l’atto sessuale in seguito a stimolo eccitatorio, indotto da comportamenti sessuali, pensieri e fantasie erotiche. La conseguenza di questi diversi fattori psicogeni è un terremoto neuroendocrino di tipo adrenergico, ossia caratterizzato dalla liberazione nel sangue di alte quantità di adrenalina che paralizzano l’erezione e/o la sua durata. Tali fattori di vulnerabilità funzionali includono sia i cosiddetti fattori psicogeni sia le alterazioni biochimiche secondarie ad alcool, dismetabolismi, droghe, farmaci, stress fisico e così via.

< h3 id="toc-2">Argomenti Del Blog

Quando parliamo dell’argomento difficoltà a mantenere erezione, dobbiamo persuaderci che, in presenza di un reale problema, l’unica soluzione possibile per avere delle risposte oggettive, è quella di rivolgersi ad uno specialista come il Dottor Andrea Russo. Se siete interessati ad una visita specialistica con il Dottor Russo, potete prenotare una visita nel Centro di Urologia Avanzata di Milano o al Wolf Elvation Training Center Onde d’Urto in Andrologia. In genere la DE è un processo multifattoriale ed è il risultato dell’interazione di fattori biologici, cognitivi, emozionali e relazionali che concorrono alla sua insorgenza. Per tale motivo, la psicoterapia, unita ad altri trattamenti, può rappresentare un valido aiuto per migliorare la funzione sessuale del paziente. Impostare una terapia personalizzata che permetterà al paziente di ottenere erezioni più vigorose e continuare ad avere un’attività sessuale soddisfacente. In molti casi, come anticipato, la disfunzione erettile è causata da un problema fisico.

aiuto con l'erezione

Inoltre, in caso di necessità per risolvere nel migliore dei modi tale tipo di problematica si consiglia l’uso di integratori con arginina. L’alprostadil , da solo o in combinazione con papaverina e fentolamina, iniettato direttamente sulla parte laterale del pene con un ago sottilissimo, nella maggior parte degli uomini procura un’erezione soddisfacente. La supposta di alprostadil può essere inserita nell’uretra utilizzando un applicatore simile a una cannuccia. Solitamente, il medico indica al paziente come somministrare il farmaco da solo durante la visita ambulatoriale.

Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. L’utilizzo dei farmaci orali, di più facile impiego, potrà avvenire con prospettive di successo solo quando si sarà verificata una ripresa dell’erezione spontanea. Le alterazioni dell’orgasmo conseguenti all’intervento aggravano sul piano psicologico il disturbo fisico. Test alla papaverina, ovvero l’iniezione di questa sostanza vasodilatatrice nel pene, utile a valutare il suo funzionamento.

Inoltre anche le altre patologie correlabili con la DE, se diagnosticate in modo più precoce, non solo hanno una probabilità di essere curate con maggiore efficacia ma permettono di affrontare I disturbi dell’erezione con possibilità di successo molto superiori. Questo, sopratutto nelle coppie di età più giovane, rischia di portare, quasi inevitabilmente a situazioni di disagio se non addirittura di conflitto. Da ultimo ma forse motivo di maggiore importanza, la DE è un sintomo, oggi, virtualmente curabile praticamente nel 100% dei casi. Questo stato fisico e psichico di deficit, può essere anche di modesta o media gravità e presentarsi a ogni età, ma la sua frequenza aumenta proporzionalmente con l’età. Con l’avvento dei nuovi farmaci orali per il trattamento della disfunzione erettile, si è drasticamente ridimensionato il ruolo della terapia chirurgica, che attualmente trova indicazione nei pazienti in cui la terapia medica non abbia offerto risultati soddisfacenti. Le protesi idrauliche sono costituite da due elementi inseriti nei corpi cavernosi e collegati ad un sistema che funge da pompa e ad un serbatoio.

< h3 id="toc-4">Integratori Per L’erezione

Durante la visita verrà posta particolare attenzione all’anamnesi , ai fattori di rischio, alla presenza di componenti psicologiche e alle eventuali terapie farmacologiche in atto. Questi uomini, spesso, evitano i rapporti sessuali perché temono di non esserne capaci. Alla base ci può essere una causa di tipo psicologico oppure organico, anche se, abbastanza frequentemente, le due componenti sono entrambe presenti. Può presentarsi in qualsiasi momento della vita anche se la sua incidenza aumenta con l’avanzare dell’età, tanto che il 50% degli uomini fra i 50 e i 60 anni presenta questo tipo di problema. Disfunzione erettile prettamente psicogena, a cui si arriva nel momento in cui sono escluse le cause organiche, per cui la causa è una verosimile inibizione centrale dei meccanismi dell’erezione. Mangiare sano, fare sempre più esercizio fisico, e perdere peso possono aiutare a minimizzare i problemi della DE.

aiuto con l'erezione

Il modello interpretativo che più rispetta la realtà è quindi multifattoriale, in cui la diagnosi dei fattori predisponenti, precipitanti o di mantenimento, responsabili del deficit erettivo, è riferita a un modello di vulnerabilità in una prospettiva longitudinale (life-span). Questa osservazione suggerisce che alcuni fattori di vulnerabilità (1-3) siano presenti in molti soggetti durante tutta la vita e possano contribuire a spostare la bilancia della competenza erettiva tra funzione o deficit, agendo probabilmente come variabili indipendenti. Questo disturbo consiste in una sensazione dolorosa che compare, sempre o a volte, durante l’eiaculazione ed è dovuto a problemi organici come un’infiammazione della prostata, delle vescicole seminali o dell’uretra. La psicoterapia più utilizzata è quellacognitivo-comportamentaleche includa due specifiche tecniche, lo “stop/start” (interruzione della stimolazione quando l’eiaculazione sta per sopraggiungere) e lo “squeeze” .