Uncategorized

Cosè Leiaculazione Precoce?

L’abuso di droghe è una causa nota di eiaculazione precoce e può contribuire ad altri problemi di eiaculazione. Se uno qualsiasi di questi fattori ti colpisce, questa potrebbe essere la causa principale dei tuoi problemi di eiaculazione. In caso di dubbi, consultare un medico in modo che possano escludere condizioni fisiche sottostanti. Come anticipato, l’eiaculazione precoce può essere associata alla coesistenza del frenulo breve. In alcuni casi, trattando il frenulo breve, si può ottenere un miglioramento dello slittamento del prepuzio , migliorando il benessere sessuale del paziente e riducendo un’eccessiva stimolazione del glande. In molti casi l’eiaculazione precoce migliora col passare del tempo; per tal motivo, non sempre è necessario effettuare un trattamento.

  • Ciò può accadere a causa del condizionamento, ad esempio se sei abituato a correre attraverso la masturbazione per paura che qualcuno entri o senta.
  • Primo, perché potrebbero essere contraffatti e nocivi; e poi perché, questi farmaci sono degli antidepressivi e come tutti gli antidepressivi, vanno sempre prescritti da un medico che vi abbia visitato e informato adeguatamente sul rapporto costi/benefici della terapia.
  • In ogni caso bisogna stare attenti alle terapie fai da te e/o con farmaci recuperati online per almeno due validi motivi.
  • In qualche caso le polluzioni notturne possono persistere anche in fase adulta creando disagio.
  • Un uomo ha una quantità limitata di sperma da eiaculare e se continua a farlo, questa riserva si esaurirà.

“Una modalità persistente o ricorrente di eiaculazione che si verifica durante i rapporti sessuali, circa un minuto dopo la penetrazione vaginale e prima che l’individuo lo desideri” (DSM-5, 2014). Al centro del problema dell’eiaculazione precoce vi è, quindi, la mancata capacità di controllo di questo atto da parte dell’uomo. E’ raro che origini da cause organiche, talvolta dipende dall’assunzione di farmaci adrenergici-inibitori. Psicoanaliticamente è considerata una forma di impotenza che può essere dovuta ad una insicurezza che è venuta a formarsi nella coppia.

Studio Medico Izzo

La “acquisita” è caratterizzata dall’insorgenza del disturbo nel contesto di un normale controllo eiaculatorio. Nel senso che il soggetto nel corso della sua vita sessuale si trova “secondariamente” ad un qualcosa a non avere più un controllo adeguato della sua eiaculazione. Essenzialmente, per gli uomini con EP, la risposta sessuale presenta una sequenza eiaculatoria abbreviata, che si verifica più velocemente e con minore controllo rispetto a uomini senza EP. Infatti, la fase di eccitazione è molto rapida, con un’erezione generalmente normale, un breve plateau, un’eiaculazione rapida e l’orgasmo. È una condizione medica complessa che può essere causata da vari fattori e che può essere descritta come breve tempo di latenza eiaculatoria e uno scarso o assente controllo sull’eiaculazione associati a ripercussioni personali negative.

eiaculazione

Non è adatta quindi alle coppie precarie o quando la donna prova un forte risentimento nei confronti del partner. Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Il Sito utilizza cookie analitici, di profilazione e altri strumenti di tracciamento, di prima e di terze parti, per inviarle pubblicità e contenuti in linea con le preferenze da lei manifestate nell’ambito della navigazione in rete. Per maggiori informazioni, o per negare il consenso all’installazione dei cookie e degli altri strumenti in funzione sul Sito, la preghiamo di consultare la la Cookie Policy.

< h3 id="toc-1">Quanto Vivono Gli Spermatozoi Dopo Un’eiaculazione?

Gli inconvenienti di un farmaco che rimane sul glande nei confronti della donna non vanno esclusi. Comunque molti pazienti con rapporti sessuali abbastanza organizzabili ne traggono un certo beneficio. Spesso chi ne è affetto è restio a parlarne col proprio medico per vergogna, retaggio culturale etc. (solo il 9% soprattutto dopo richiesta della partner insoddisfatta). La pratica e il rilassamento sono fondamentali nel trattare l’eiaculazione precoce. Un minuto di rapporto sessuale ed è tutto finito, e le donne restano a bocca asciutta. L’eiaculazione precoce non è pericolosa ma potrebbe essere un segno di un problema alla tiroide o alla prostata.

Molti uomini che lamentano l’eiaculazione precoce descrivono così la loro esperienza, “sono subito troppo eccitato, mi devo fermare altrimenti non riesco a trattenere l’orgasmo”. Racconti simili a questo testimoniano la percezione dell’eiaculazione precoce come un meccanismo di “scarica imminente” di una grande eccitazione. Ne consegue che per gestire l’eiaculazione questi uomini tendano a diminuire la stimolazione, sia fisica sia mentale e che intendano il controllo dell’eiaculazione come “sapersi fermare”. La diagnosi di questo disturbo è, quindi, alquanto complessa, dato che spesso viene effettuata in modo autonomo, e inoltre secondo degli schemi temporali o di prestazioni che non sono applicabili nel mondo della sessualità maschile e femminile. Viene così meno la possibilità di godersi il rapporto sessuale perché mutilato del suo diritto di svilupparsi lungo un crescendo tipico delle cose che si sanno e si vogliono godere fino in fondo. La riproposizione del disturbo è così scontata che la coppia gradualmente rallenta i propri rapporti perché invece che momenti di soddisfazione diventano di frustrazione, per entrambi.

La mia personale esperienza clinica in tale ambito terapeutico è stata certamente positiva, sia in termini di efficacia che di sicurezza d’uso, particolarmente per quanto riguarda la Sertralina e la Paroxetina. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento. L’Eiaculazione Precoce è più diffusa della Disfunzione Erettile negli uomini al di sotto dei 60 anni e non è legata all’età.

< h3 id="toc-2">Leiaculazione Precoce Si Puo Curare!

Ma le vere difficoltà nella diagnosi sono causate dalla difficoltà dei pazienti a parlare della propria condizione, e questo porta a sottostimare la diffusione del problema, perché riluttanti ad ammetterla, discuterla o parlarne al medico. Al contrario, incoraggiamo a parlarne senza imbarazzo, senza vergogna, senza inutili e insensati sensi di colpa, a parlarne anche con la propria partner e dunque rivolgersi ad un medico. La cura farmacologica, sia con i “vecchi” farmaci, sia con la nuova Dapoxetina, se ben condotta, è ben tollerata e priva di effetti collaterali significativi. Gli esercizi proposti provengono dalla vasta letteratura sull’argomento e sono scelti con il criterio di rispettare il piu’ possibile la naturale spontaneità del rapporto sessuale e le abitudini della coppia.

Quanto tempo si può stare senza eiaculare?

Tra questi fattori c’è sicuramente l’età: per un soggetto di 18 anni, il periodo refrattario è di circa 15 minuti; mentre per un uomo anziano, è di almeno 20 minuti. È comunque bene precisare che ci sono delle eccezioni, ossia individui anziani con un periodo refrattario pari a quello di un 18enne.

Possono essere eseguiti anche in autoerotismo e comunque non necessariamente richiedono la collaborazione attiva della compagna. Definire l’eiaculazione precoce non è semplice, dato che i parametri da considerare sono diversi. Per alcuni studiosi si avrà l’eiaculazione precoce se l’orgasmo maschile avviene prima della soddisfazione della donna. Per altri, invece, si considera l’incapacità dell’uomo a identificare il momento di emissione che precede la fase vera e propria dell’eiaculazione. Per altri, si fa riferimento alla tempistica della penetrazione, dividendo la disfunzione in base ai secondi. Dare l’esatta definizione quando si parla di eiaculazione precoce – spiega il prof. Sergio Leoni, specialista Urologo presso il Salus Hospital di Reggio Emilia – è molto complesso da un punto di vista strettamente clinico.

Questo è il motivo per cui è importante consultare il medico in modo che possa escludere qualsiasi causa fisica. Uno studio della Shiraz University of Medical Sciences ha scoperto che la circoncisione ha aiutato gli uomini affetti da eiaculazione precoce a ottenere un maggiore controllo sulle loro prestazioni sessuali. L’eiaculazione precoce può farti sentire inadeguato e frustrato e potrebbe essere scoraggiante parlarne con il tuo partner.

Perché non esce il liquido seminale?

Cause organiche

La forma severa di eiaculazione ritardata è correlata, in genere, a malattie di origine neurologica (es. sclerosi multipla) o malattie endocrine (es. diabete mellito e ipotiroidismo), Oppure alla somministrazione di farmaci neurolettici, oppiacei, antiipertensivi, antidepressivi di tipo serotoninergico.

Una eiaculazione ritardata secondaria è spesso causata da uno o più eventi traumatici. Per curare questo disturbo, va detto che la procedura varia da soggetto a soggetto, ma l’obiettivo è quello di vincere l’ansia. Lo scopo principale della tecnica stop start è quello di consentire all’uomo di avere un rapporto sessuale più soddisfacente. La tecnica dello stop start è utile per far si che l’uomo si rilassi ed accantoni l’ansia mentale, poiché spesso e volentieri è proprio l’agitazione a causare eiaculazione precoce.

< h3 id="toc-4">Eiaculazione Retrograda

Dal 2009 è in commercio la Dapoxetina un farmaco della classe dei SSRI con specifica attività sulla eiaculazione. L’assunzione del Priligy 1-2 ore prima del rapporto sessuale è in grado di rallentare l’eiaculazione con modesti effetti collaterali . L’uso dei 5PDEi in alcuni casi si associa ad una certa difficoltà, lentezza, a raggiungere e conseguire l’orgasmo con secondario allungamento dei tempi eiaculatori. É sempre importante che il maschio che sente di non avere dei tempi eiaculatori ottimali si faccia visitare dallo Specialista che possa evidenziare cause collaterali e suggerire le modalità terapeutiche più idonee. Secondo Masters & Johnson ( gli psicologi americani che negli anni ’60 per primi affrontarono i problemi della sessualità di coppia), un uomo soffre di eiaculazione precoce se eiacula prima che il partner raggiunga l’orgasmo in più della metà dei rapporti sessuali.

eiaculazione

Circa il 50% degli uomini con sintomi di EP hanno indicato che questi sintomi erano presenti fin dalla loro prima esperienza sessuale. L’aneiaculazione, specialmente nella variante orgasmica, spesso non è distinguibile dalla eiaculazione retrograda. L’analisi delle urine, finalizzata alla ricerca di spermatozoi nell’urina, permette la diagnosi corretta.

La terapia comportamentale, infine, può aiutare a ridurre l’ansia legata all’eiaculazione precoce. Un’altra tecnica per il trattamento di questa patologia è l’allenamento dei muscoli pelvici poiché la debolezza del pavimento pelvico può compromettere la capacità di ritardare l’eiaculazione. Ad esempio, nel caso dell’eiaculazione precoce di tipo primario, la diagnosi è abbastanza immediata e sarà dovere dello specialista istruire il paziente ad avere una maggior padronanza del proprio corpo, ritardando il più possibile il famigerato “punto di non ritorno”. L’eiaculazione precoce secondaria, invece, risulta più complessa poiché richiede un’attenta analisi psicologica del soggetto.