Uncategorized

Disfunzione Erettile, Impotenza E Problemi Di Erezione

Secondo l’autrice per ovviare a questo problema, sarebbe necessario astenersi dalla visione di materiale pornografico per alcuni mesi (6-12 settimane), per permettere al cervello di “disintossicarsi”. Trova Esperto Effettua una ricerca nella directory di Cure-Naturali e trova il tuo esperto di salute naturale. Molti uomini soffrono di impotenza, e spesso non necessariamente legata all’età, anche se dopo i 50 anni l’incidenza aumenta. Tra questi diversi farmaci si potrebbe pensare di provare, sotto indicazione del proprio medico curante, in modo da stabilire quelli che più fanno a caso proprio. Una dieta sana, ricca di antiossidanti naturali e povera di grassi, favorevole alla salute di cuore e vasi, è utile anche in questo caso. L’unico sintomo è l’impossibilità a raggiungere un’erezione sufficiente alla penetrazione e/o a mantenerla fino al completamento del rapporto.

impotenza

Infatti, se la coppia non trova il modo per integrare questi cambiamenti in un modo diverso di fare l’amore, possono insorgere numerose difficoltà della gestione dell’eccitazione (Fenelli, Lorenzini, 1999; Simonelli, 1997). La durata dell’erezione è comunque ridotta rispetto ai “mantenitori dell’erezione” come Cialis, Viagra e Levitra. La diagnosi di basa sull’esame obiettivo, per determinare eventuali affezioni della prostata, e su test specifici volti ad accertare la presenza di una delle malattie che possono causare disfunzione erettile. Migliaia di uomini affetti da cancro alla prostata sono soggetti a rimozione chirurgica dell’organo, il che, nel 60 per cento dei casi, può danneggiare i nervi che regolano l’afflusso di sangue al pene e portare all’impotenza anche 18 mesi dopo l’operazione. AGI – Si chiama siRNA, è un farmaco sperimentale per la crescita dei nervi che potrebbe rivoluzionare la salute sessuale dei pazienti con neoplasie della prostata. Almeno questo è quanto emerge da uno studio condotto dagli scienziati dell’Albert Einstein College of Medicine di New York, che hanno Pubblicato i risultati delle loro ricerche sul Journal of Clinical Investigation Insight.

Disfunzione Erettile

Purtroppo la terapia farmacologica sinora è stata estremamente deludente, contrassegnata da insuccessi dolorosi, basata spesso su casistiche non selezionate, e talora con risultati positivi da considerarsi solo aneddotici. Di recente è stato proposto l’uso di un nuovo medicinale, sildenafil , in grado di inibire selettivamente la PDE5 e quindi, come già detto prima, di ridurre la degradazione del cGMP, favorendo il rilassamento della muscolatura liscia e l’afflusso di sangue. I risultati positivi sono statisticamente significativi e oscillanti tra il 70 e l’80% dei casi trattati.

Le diverse cause che possono determinare l’insorgenza di una disfunzione erettile si distinguono in psicogene, endocrine, neurogene, vascolari , e iatrogene . È importante sottolineare che delle diverse cause possibili, alcune sono“non modificabili” perché legate a situazioni patologiche, mentre altre sono invece“modificabili” perché legate a fattori comportamentali. Esistono poi delle condizioni predisponenti che pur non essendo cause dirette di deficit erettile sono in grado di aumentarne esponenzialmente il rischio.

< h3 id="toc-1">Nuove Tecniche Per Allungare Il Pene

Attualmente, è oggetto di studi il potere terapeutico dell’esercizio fisico nei confronti dell’impotenza. L’impotenza è dovuta a cause anatomiche, quando è la conseguenza di un’alterazione anatomica del pene. L’erezione del pene è, di fatto, l’evento che precede l’eiaculazione, ossia l’atto tramite cui l’uomo emette dal pene il liquido seminale necessario alla riproduzione. L’impotenza sessuale frequentemente compromette la propria autostima mettendo in discussione a volte le proprie relazioni affettive. Dopo 3 settimane dall’ultima seduta, il paziente effettua una visita di controllo durante la quale si verificano insieme allo specialista Solv-ED i risultati ottenuti. Informazioni dettagliate possono essere ottenute chiamando lo stesso numero del mio studio di Como.

  • La diagnosi differenziale è quindi molto importante, in quanto escludere a priori patologie organiche (ad es., arterosclerosi, sclerosi multipla, etc.) può essere pericoloso.
  • La disfunzione erettile può insorgere nell’ uomo a tutte le età, anche se appare più frequente in età avanzata.
  • Le cause di impotenza sono molteplici e comprendono fattori organici, in particolare problemi vascolari e neurologici, e fattori psicologici, in particolare l’ansia da prestazione.
  • La terapia psicosessuale è utile anche in caso di disfunzione organica o mista per alleviare il senso di ansietà che deriva dal disagio di un deficit erettile.
  • A questo proposito, una recentissima scoperta si deve a un gruppo di ricercatori dell’Università Federico II di Napoli.

I farmaci orali per la disfunzione erettile appartengono alla categoria degliinibitori della fosfodiesterasi di tipo 5 (PDE-5), che agiscono aumentando la disponibilità di ossido nitrico e, quindi, favorendo la vasodilatazione del pene. Questi farmaci non determinano una erezione diretta e passiva, ma una amplificazione della risposta dei corpi cavernosi ad uno stimolo erogeno naturale. Questa terapia orale fornisce, quindi nel rapporto una“spontaneità” vantaggiosa che agisce anche psicologicamente. Questi farmaci sono controindicati nei casi in cui vi è una terapia con nitrati (usati nell’angina pectoris), in quanto la loro associazione potrebbe amplificare l’effetto vasodilatore degli stessi, con conseguente effetto rebaund estremamente pericoloso. La disfunzione erettile può insorgere improvvisamente, in assenza di precedenti disturbi della sfera sessuale, o gradualmente, nel corso di un periodo di rapporti sessuali più o meno soddisfacenti e/o di un calo del desiderio sessuale.

In Cosa Consiste La Terapia Per Chi Soffre Di Deficit Erettili?

Si definisce infertilità la mancanza di concepimento dopo 12 mesi di rapporti non protetti e con adeguata frequenza. Questo problema riguarda una coppia di persone di sesso opposto e le cause sono molte e diverse da entrambe le parti. Attualmente, è dimostrato, invece, che la componente maschile è presente in almeno il 50% dei casi . D’altro canto, un ruolo importante va anche attribuito all’età in cui la coppia programma la prima gravidanza, che, per motivi socioculturali diversi, appare oggi sempre più posticipata.

Quale medico cura l’impotenza?

Tutte queste difficoltà possono essere trattate con successo rivolgendosi a specialisti psicoterapeuti. Questi, affrontando le difficoltà che stanno alla base dell’ansia, possono aiutare a ridimensionare le paure e ad accettare la possibilità di essere accettati socialmente anche se non “perfetti”.

Infatti affinché avvenga l’erezione del pene è necessario lo stimolo erotico, il desiderio sessuale, altrimenti non succede nulla. Sarà quindi importante controllare il peso seguendo una dieta sana ed equilibrata, non essere sedentari ed eliminare cattive abitudini come il fumo di sigaretta. Infine, consiglio a tutti gli uomini di parlare con il proprio medico e di effettuare una visita dallo specialista per ricevere consigli e informazioni su una corretta prevenzione delle patologie dell’apparato genitale maschile.

Nell’ipogonadismo si verifica una riduzione dei livelli di testosterone, che si accompagna a un calo del desiderio sessuale e a una riduzione dell’attività erettile. Negli uomini con iperprolattinemia si ha invece un aumento della prolattina, che determina un deficit erettile associato a riduzione della libido e infertilità. Il trattamento della disfunzione erettile richiede un complesso percorso che passa attraverso una fase di accurata valutazione del problema. Ciò allo scopo di escludere le possibili cause mediche, per arrivare al trattamento cognitivo-comportamentale . Questa è l’unica terapia psicologica che ha dimostrato una buona efficacia nella cura di questi disturbi di erezione.

< h3 id="toc-3">Disfunzione Erettile E Prostatite

Va comunque detto che non esiste un’età anagrafica in cui l’uomo perde la sua capacità di raggiungere l’erezione. Le cause riconosciute dell’impotenza sessuale maschile possono essere di natura organica, psicologica o mista. La diagnosi differenziale è quindi molto importante, in quanto escludere a priori patologie organiche (ad es., arterosclerosi, sclerosi multipla, etc.) può essere pericoloso. L’erezione si ha quando tramite le arterie del pene arriva un abbondante flusso di sangue ai tessuti spugnosi dei corpi cavernosi e nel glande.

impotenza

In caso di disfunzione erettile di natura psicogena, l’intervento psicosessuale è indispensabile per individuare e rimuovere i fattori che l’hanno generata. La terapia psicosessuale è utile anche in caso di disfunzione organica o mista per alleviare il senso di ansietà che deriva dal disagio di un deficit erettile. L’abitudine alfumo è una fattore di rischio estremamente importante di disfunzione erettile; il numero di sigarette fumate al giorno e la durata dell’abitudine al fumo sono direttamente correlate all’insorgenza di un deficit erettile. Va anche segnalato che l’associazione del fumo ad altri fattori di rischio determina effetti moltiplicatori sul rischio di sviluppare un deficit erettile; per esempio, nei diabetici fumatori il rischio è maggiore che nei diabetici non fumatori. Infine è necessario sottolineare l’effetto negativo che molti farmaci possono avere sull’erezione. Nel numero della rivista The medical letter dell’ottobre 1992 era già riportato un elenco di 120 farmaci che possono provocare disfunzioni sessuali.

In ogni caso, esiste una serie di fattori di rischio per la fertilità maschile che devono essere accuratamente ricercati ed eventualmente trattati. È quindi importante valutare la presenza di eventuali erezioni spontanee durante la notte e/o al risveglio oppure raggiunte, durante la masturbazione, con una stimolazione mentale . Nei casi in cui la disfunzione erettile sia di verosimile natura psicogena, l’intervento psicosessuale è indispensabile al fine di individuare e rimuovere i fattori che l’hanno causata. E’ indubbio come nella premessa che la terapia psicosessuale è fondamentale anche nei casi di disfunzione organica o mista in quanto riesce ad ridurre lo stato di ansia e di disagio.

Il test consiste nella misurazione per tre notti consecutive delle erezioni durante il sonno tramite dei rilevatori ad anello posti alla base e alla punta del pene. Se è presente una patologia di base, è necessario curarla prima di pensare propriamente al problema sessuale. In aiuto verranno poi i colloqui con lo specialista psicoterapeuta, che potrà intervenire sia con incontri individuali sia con incontri di coppia. La cosa più importante è che la donna non cerchi di nascondere i propri disturbi sessuali non solo al partner, ma al medico per primo.

A questo proposito, una recentissima scoperta si deve a un gruppo di ricercatori dell’Università Federico II di Napoli. L’idrogeno solforato , un gas presente soprattutto nelle acque termali sia in forma libera sia sotto forma di solfuro, potrebbe costituire la base per una cura farmacologica alternativa agli inibitori della 5-fosfodiesterasi. Le conclusioni dei ricercatori sono frutto di una sperimentazione condotta sui topi, dove si è osservato che l’idrogeno solforato stimolava l’erezione e il rilassamento della muscolatura liscia dei vasi, e su tessuti umani prelevati da otto pazienti che si erano sottoposti a un intervento chirurgico per cambio di sesso. Gli autori della ricerca ribadiscono che l’idrogeno solforato potrebbe rappresentare una valida alternativa per i pazienti che non rispondono ad altri trattamenti farmacologici. La disfunzione erettile è proprio un caso di impotenza, cioè di mancata erezione, che può essere legato a cause psicologiche od organiche, anche quando è presente un forte desiderio sessuale.