Uncategorized

Disturbi Dell’erezione

Anche un terapeuta o un altro professionista della salute mentale possono essere in grado di aiutarvi; ad esempio trattare la depressione può aiutare a migliorare la DE e può apportare benefici aggiuntivi. Si può formare un ateroma, o placca aterosclerotica nelle arterie, il che significa che può fluire al pene meno sangue. L’aterosclerosi è così comune negli uomini oltre i 50 anni che è responsabile di quasi la metà dei casi di DE negli uomini anziani.

Quando l’uomo non riesce ad avere l’erezione?

Le cause più comuni della disfunzione erettile sono riconducibili a malattie vascolari come l’aterosclerosi (ispessimento delle arterie) o la disfunzione endoteliale. Un’altra causa può essere legata a fattori psicologici, quali: stress, ansia da prestazione, depressione.

Per cui può essere generata da stimoli tattili ai genitali e alle zone erogene (capezzoli, lobi delle orecchie, collo, etc.), da stimoli audiovisivi, olfattivi e/o dalle fantasie erotiche. E poi ci sono le erezioni notturne che invece si attivano nel sistema nervoso centrale e avvengono prevalentemente durante la fase REM del sonno. Si tratta di un riflesso inconsapevole e di un fenomeno fisiologico del tutto naturale, ottimo per rivelare la qualità “biologica” dell’erezione, vista la praticamente assente azione di fattori quali l’ansia da prestazione e di altri aspetti relazionali, che spesso ne possono inficiare la qualità nelle performance “da svegli”». Il trattamento della disfunzione erettile richiede un complesso percorso che passa attraverso una fase di accurata valutazione del problema. Ciò allo scopo di escludere le possibili cause mediche, per arrivare al trattamento cognitivo-comportamentale . Questa è l’unica terapia psicologica che ha dimostrato una buona efficacia nella cura di questi disturbi di erezione.

E’ necessario allora intervenire ai diversi livelli, tramite il semplice confronto dialettico, o con un lavoro di recupero della comunicazione di coppia, ma anche dove sia strettamente necessario delegando la terapia allo psicologo. Anche le patologie epatiche croniche si associano frequentemente all’insorgenza di una disfunzione erettile, in particolare se si tratta di epatopatie di origine alcolica. Nel caso delle malattie neoplastiche , il deficit erettile può essere determinato da cause sia organiche che di tipo psicosessuale. Un ruolo fondamentale è sicuramente svolto dall’iperattività del sistema nervoso simpatico, che si verifica ad esempio in condizioni di stress.

Disturbi Dei Nervi

Gli effetti collaterali e le controindicazioni sono simili a quelli del Viagra e del Cialis. Alcuni uomini possono riuscire ad avere l’erezione solo durante la masturbazione o al risveglio. Inutile precisare che nel rispondere ai diversi quesiti bisognerà essere il più onesti possibile e che naturalmente il questionario non ha valore diagnostico e non sostituisce la valutazione specialistica di un Andrologo. Solo attraverso un’approfondita anamnesi e un accurato esame obiettivo, si può valutare la presenza di una malattia neurologica, vascolare, ormonale o di una malattia di La Peyronie.

Cosa provoca la dilatazione dei vasi sanguigni?

La vasodilatazione causa un aumento del volume dei vasi e, in particolare per quanto riguarda le arteriole, causa la diminuzione della pressione arteriosa. La risposta può essere intrinseca, cioè mediata da processi locali, o estrinseca, cioè causata da mediatori e dal rilascio di ormoni.

O condizioni neurologiche che compromettono la salute del sistema nervoso e di conseguenza la sua azione di controllo sul pene. O ancora la presenza di condizioni mediche che alterano la produzione di ormoni, o che comportano un’alterazione anatomica del pene. Talvolta anche l’assunzione di determinati farmaci può provocare una disfunzione erettile, parliamo soprattutto degli psicofarmaci». La causa psicologica più diffusa per ciò che riguarda la disfunzione erettile è l’ansia da prestazione.

< h3 id="toc-1">Erezione Maschile, Come Funziona E Come Prolungarla

I problemi di salute minori possono rallentare la vostra risposta sessuale, ma l’ansia che accompagna la lenta risposta sessuale può bloccare del tutto le cose. A livello locale, le patologie vascolari responsabili di disfunzione erettile possono essere di natura sia arteriosa che venosa. Nel primo caso il deficit erettile è determinato da un ridotto afflusso di sangue al pene, mentre le patologie venose impediscono che il sangue rimanga intrappolato all’interno del tessuto cavernoso del pene.

erezione

Se esistono condizioni come depressione e ansia, il processo di erezione può essere inibito sul nascere. Lo stress legato a particolari condizioni di vita può influire negativamente sulla erezione e sul piacere del rapporto sessuale. Anche problemi di comunicazione con il partner o la cosiddetta ansia da prestazione, possono generare meccanismi di blocco del processo di erezione. Lo zinco associato alla vitamina B6 fa crescere la quantità di testosterone nel sangue con conseguente aumento della libido e della risposta erotica.

La De Può Comparire Insieme Ad Altri Problemi Sessuali?

Questa conformazione anatomica rappresenta il substrato strutturale che permette all’unità funzionale peniena di garantire l’erezione e il passaggio reversibile dallo stato di detumescenza a quello erettivo. Il meccanismo erettile è basato su modificazioni di tipo emodinamico, che richiedono un controllo nervoso centrale e periferico e un substrato endocrino non alterati, nonchè un’anatomia normale dell’organo . Non è possibile parlare e inquadrare la fisiologia dell’erezione peniena, dell’eiaculazione e dell’orgasmo maschile al di fuori di tale classificazione del ciclo della risposta sessuale.

erezione

Una maggiore attività di alcuni neuroni dell’area preottica mediale si verifica durante la copulazione nelle scimmie ed in risposta alla stimolazione del nervo penieno dorsale o copulazione nei ratti. Anche questo è stato dimostrato iniettando virus neurotropici precedentemente marcati nel corpo cavernoso e nei muscoli striati perineali. La disfunzione erettile può essere un sintomo di alcune malattie neurologiche e cardiovascolari, del diabete, di interventi sulla prostata, oltre che un effetto di alcuni farmaci antidepressivi, antipsicotici, ecc.

Le informazioni contenute all’interno del sito Internet non costituiscono una consulenza medica né sostituiscono la visita medica. Si ricorre alle microiniezioni peniene o allorquando i farmaci per l’erezione per bocca non sono efficaci oppure non possono essere presi perché controindicati. Tra questi diversi farmaci si potrebbe pensare di provare, sotto indicazione del proprio medico curante, in modo da stabilire quelli che più fanno a caso proprio. Gli effetti indesiderati sono simili a quelli del Viagra e del Cialis, i più comuni sono la cefalea, vampate di calore al volto, congestione nasale e nausea.

II tono del tessuto penieno, delle arterie e delle vene del pene dipende dall’equilibrio tra l’attività delle vie efferenti parasimpatiche e simpatiche. Per eseguire una prima autovalutazione delle disfunzione erettile riporto di seguito un questionario, sviluppato appositamente per lo studio della funzione sessuale maschile dallo IIEF – International Index of Erectile Function. La visita andrologica per impotenza, problemi di erezione o per disfunzione erettile viene eseguita nel mio studio di Roma in via Kenya 58. Cause Psicologiche – La depressione, i sensi di colpa, le preoccupazioni, lo stress, l’ansia concorrono ad inibire la risposta erettile e della libido . Frequentemente ciò è dovuto alla comparsa di disfunzione erettile per una o più delle cause precedenti, attivando il quadro persistente di disfunzione erettile da paura per la prestazione… una specie di circuito che tende a chiudersi su sé stesso. Squilibri Endocrini – Sono poco frequenti (meno del 5%) le cause ormonali responsabili delle disfunziooni erettive.

  • L’esame obiettivo si concentra sugli organi genitali e sulla prostata, ma i medici ricercano anche i segnali di disturbi ormonali, dei nervi e dei vasi sanguigni, e esaminano il retto.
  • Quindi, la neuropatia periferica ha un effetto negativo sull’erezione, così come le procedure chirurgiche che feriscono i nervi cavernosi, cioè i nervi che terminano nei corpi cavernosi e ne avviano il rilassamento in modo che possano essere riempiti di sangue e causare un’erezione.
  • Una reazione scoraggiata e preoccupata del paziente e simili reazioni da parte della partner, puo’ provocare emotivamente una disfunzione completa.
  • Non c’è, di fatto, nulla di cui vergognarsi ad affrontare un problema di erezione, nasconderlo può avere un risvolto estremamente negativo sulla vita degli uomini interessati perché si può tradurre in una vita sessuale insoddisfacente, in forte stress, in problemi di bassa autostima e di relazione.
  • Il medico, dopo aver individuato il tipo di disfunzione erettile, potrà prescrivere la terapia, che può essere medica (farmacologica, ormonale, o farmaco-infusioni endocavernose, vacuum device), chirurgica , psico-sessuologica.
  • Non appena si verifica l’erezione, un anello elastico viene collocato intorno alla base del pene, per impedire al sangue di fluire verso l’esterno e mantenere la rigidità del pene.

Altra via di somministrazione è quella orale con l’utilizzo di farmaci quali la Pentoxifillina o alcuni estratti vegetali derivati dalla Yohimbina o simili come la Damiana . Queste sostanze hanno una blanda azione alfa-litica con conseguente vasodilatazione attiva del tessuto spugnoso dei corpi cavernosi. La cavernosografia fornisce importanti informazioni anatomiche che potranno essere utili per una eventuale correzione chirurgica.

Integratori Per L’erezione

Gli stimoli raggiungono il centro erettivo spinale S2-S4, da cui partono le fibre vasodilatatrici parasimpatiche dirette al pene, chiamate “nervi erigenti”. Di questi stimoli, alcuni seguono il tratto spinotalamico ascendente e danno luogo alla percezione cosciente dello stimolo tattile, altri attivano il nucleo autonomico che induce la liberazione dei neurotrasmettitori responsabili dell’attivazione dell’erezione. Sono costituite da cilindri inseriti nei corpi cavernosi e collegati ad un sistema che funge da pompa e ad un serbatoio. Il medico provvederà ad un’attenta raccolta dell’anamnesi generale e sessuale con particolare riferimento alla componente relazionale ed intrapsichica.

erezione

Nell’ipogonadismo si verifica una riduzione dei livelli di testosterone, che si accompagna a un calo del desiderio sessuale e a una riduzione dell’attività erettile. In condizioni di flaccidità il sangue affluisce al pene attraverso le arterie e defluisce, in pari misura, attraverso le vene. Nell’erezione questa situazione di equilibrio viene alterata mediante un aumento dell’afflusso di sangue al pene e una contemporanea riduzione del deflusso venoso. Anche questo farmaco, come quelli somministrati per bocca, può essere utilizzato al momento di un rapporto sessuale o nell’ambito di un programma riabilitativo della circolazione del pene . I dispositivi meccanici inducono l’erezione tramite un meccanismo composto da un cilindro e un anello. Si inserisce il pene non ancora in erezione nel cilindro e si azione una pompa che crea il vuoto intorno al pene e quindi stimola l’erezione.