Uncategorized

Disturbi Dell’erezione

I farmaci iniettati nel pene subito prima di un rapporto sono efficaci e spesso utilizzati come seconda scelta. Anche se molti uomini preferiscono i farmaci, rispetto ad altri metodi di trattamento della DE, i dispositivi meccanici offrono il vantaggio della massima efficacia e, non comportando gli effetti collaterali associati ai farmaci, sono solitamente molto sicuri. L’intervento chirurgico di impianto del pene, con una protesi gonfiabile, rappresenta l’ultimo, ma più efficace, metodo di raggiungere il coito. Perfino la DE causata da un disturbo fisico solitamente presenta una componente psicologica, quindi i medici rassicurano ed educano il paziente . La psicoterapia di coppia, presso uno sessuologo qualificato, può facilitare la comunicazione tra i partner, ridurre le pressioni associate alla prestazione sessuale, e risolvere i conflitti interpersonali che contribuiscono alla DE. Viene trattata qualsiasi patologia di base e i medici spesso interrompono la somministrazione di farmaci che potrebbero causare la disfunzione erettile o prescrivono al paziente un farmaco alternativo.

La possibilità di effettuare interventi di chirurgia nerve-sparing, con risparmio del fascio vascolo-nervoso ha di molto ridotto questo tipo di complicanze. In linea generale questa procedura è applicabile nei pazienti che presentano un tumore confinato alla prostata. Attualmente la prostatectomia radicale nerve-sparing dovrebbe essere considerata la tecnica di scelta nella maggior parte degli uomini candidati alla chirurgia prostatica per tumore.

  • Innanzitutto, il medico porrà domande relative ai sintomi e all’anamnesi medica, quindi condurrà un esame obiettivo.
  • Un episodio andato male può bastare a influenzare negativamente la vita sessuale di un uomo.
  • Non è una vera e propria patologia ma solo un sintomo che si presenta negli uomini con l’avanzare dell’età seppur affligga indistintamente sia uomini in età giovanile che uomini in età matura; infatti, colpisce almeno una volta nella vita circa due quinti del sesso maschile.
  • Un’erezione richiede il coinvolgimento di cervello, nervi, ormoni, muscoli e del sistema circolatorio.
  • Il testorerone è un ormone importante , anche se non decisivo, per avere un’erezione.

Tra questi diversi farmaci si potrebbe pensare di provare, sotto indicazione del proprio medico curante, in modo da stabilire quelli che più fanno a caso proprio. Alcuni uomini possono riuscire ad avere l’erezione solo durante la masturbazione o al risveglio. Le onde d’urto migliorano il quadro portando ad un recupero delle erezioni spontanee.

In Che Modo Lo Stress Cronico Può Danneggiare L’erezione?

Essendo vasodilatatore, come tutti gli altri farmaci del genere, può (ma non è detto che lo abbia) avere qualche effetto collaterale quale mal di testa, palpitazioni, arrossamento del volto, vertigini, stomaco agitato, infezioni del tratto urinario, sensibilità aumentata ai colori verde e rosso, diarrea, etc. Gli effetti collaterali scompaiono completamente dopo che il farmaco viene eliminato dall’organismo. Tra le controindicazioni si ricorda che non va assunto da persone che hanno avuto da poco un infarto o sta usando dei farmaci a base di nitrati (che curano ad esempio l’angina pectoris). Le prostaglandine vengono a volte usate da uomini che non possono assumere le molecole orali sopra citate a causa ad esempio di problemi molto seri di intolleranza o problemi molto seri di circolazione sanguigna. Si iniettano direttamente sui corpi cavernosi del pene provocando vasodilatazione e quindi maggior afflusso di sangue.

Quando lui perde l’erezione?

Tutte queste difficoltà possono essere trattate con successo rivolgendosi a specialisti psicoterapeuti. Questi, affrontando le difficoltà che stanno alla base dell’ansia, possono aiutare a ridimensionare le paure e ad accettare la possibilità di essere accettati socialmente anche se non “perfetti”.

In un adolescente di 15 anni si verificheranno in media 4 episodi di erezione notturna della durata di circa 30 minuti; nello stesso individuo a 70 anni le erezioni saranno solamente 2 e di durata più breve. Questa tecnica non è da ritenersi sempre precisa e sono stati riscontrati numerosi falsi positivi, cioè test che apparentemente danno un esito positivo per un problema organico. Quando si ha il sospetto di una patologia neurologica, l’integrità del sistema può essere accertata misurando i potenziali evocati corticali e sacrali. La cute del pene viene stimolata elettricamente e vengono eseguite delle registrazioni tramite un elettrodo che valuta il muscolo bulbocavernoso; si misura il tempo che intercorre tra la stimolazione e la prima risposta a livello muscolare. …E questo, inevitabilmente, impedisce all’organismo di attivare il segnale per “spingere” il sangue verso il pene, al fine di portarlo poi in erezione. Il risultato è la disfunzione erettile che a volte si manifesta con la mancanza completa di erezione, mentre altre volte con la perdita della rigidità improvvisa del pene durante il coito.

< h3 id="toc-1">Erezione Persistente

La sessualità maschile, in senso stretto, sia comunque diversa da quella femminile. L’uomo ha il pene, che vive secondo regole che spesso non dipendono dalla volontà cosciente. Soprattutto quando si parla di erezione, è importante non dare mai per scontati alcuni principi, senza i quali vivere serenamente può diventare davvero molto difficile.

aiuto con l'erezione

Per tale motivo, la psicoterapia, unita ad altri trattamenti, può rappresentare un valido aiuto per migliorare la funzione sessuale del paziente. Impostare una terapia personalizzata che permetterà al paziente di ottenere erezioni più vigorose e continuare ad avere un’attività sessuale soddisfacente. In molti casi, come anticipato, la disfunzione erettile è causata da un problema fisico. Arterie intasate, ipertensione o, viceversa, ipotensione sanguigna possono essere possibili cause della disfunzione erettile.

Qualche Nota Sulla Terapia Per I Problemi Di Erezione

E’ un problema notevolmente rilevante, anche in termini economici, visto che, a livello mondiale, il solo mercato dei farmaci contro la DE vale 5,5 miliardi di dollari l’anno ed in Italia, si spendono circa 265 milioni di euro all’anno, per curarla. Inoltre, come è facile immaginare, la DE ha un notevole impatto negativo sulla qualità della vita, che è diventato un fattore sempre più importante nella valutazione che le varie patologie hanno sul modo di percepire l’importanza di quel determinato problema, da parte dei pazienti. La risposta sessuale è regolamentata da una serie di fattori interni ed esterni alla coppia, ed esterni e interni alle lenzuola di cui Lei mi parla. Non conosco le caratteristiche della Sua sessualità coniugale, ma credo di aver letto tra le Sue parole, che trattasi di un talamo un pò sopito e annoiato, ma rassicurante circa la “funzionalità”.

A volte, per curare la disfunzione erettile possono essere necessari farmaci specifici o altri tipi di interventi terapeutici. La disfunzione erettile, spesso indicata con il termine di impotenza, consiste nell’incapacità di raggiungere, o mantenere, un’erezione sufficiente a consentire un rapporto sessuale soddisfacente. Una difficoltà occasionale, spesso non viene considerata come una condizione di disfunzione erettile. Una delle condizioni che esclude una possibile causa organica è la presenza di erezioni notturne.

La valutazione emoflussimetrica delle arterie peniene tramite sonda ecocolordoppler è stata utilizzata per differenziare la velocità del sangue nelle differenti arterie peniene attraverso l’analisi delle onde riflesse dalla parte corpuscolata dal sangue che scorre nei vasi. Il punto di partenza fondamentale, e che quasi tutti gli uomini ignorano, è la giusta condizione psicologica durante i rapporti di coppia per poter avviare in modo automatico il meccanismo fisiologico dell’erezione. Disfunzione erettile prettamente psicogena, a cui si arriva nel momento in cui sono escluse le cause organiche, per cui la causa è una verosimile inibizione centrale dei meccanismi dell’erezione. Attualmente, secondo le statistiche scientifiche, la disfunzione erettile è una condizione estremamente diffusa, che interessa il 10% della popolazione maschile occidentale. In questo modo lo specialista sarà in grado di determinare l’origine del problema, oltre a determinare la severità della malattia.

Il priapismo si sviluppa molto raramente e potrebbe richiedere cure mediche di emergenza. In rare circostanze, i soggetti hanno segnalato cecità o perdita dell’udito dopo l’assunzione degli inibitori della fosfodiesterasi, ma non è dimostrato che la causa di tali disturbi sia da attribuire agli inibitori stessi. Chiamata impropriamente impotenza, la disfunzione erettile è un problema sessuale maschile caratterizzato dall’incapacità di raggiungere o mantenere un’erezione idonea a consentire un prestazione sessuale soddisfacente.

aiuto con l'erezione

Le risposte della gente riguardano sempre il pene o la zona genitale, come se il fattore mentale fosse di poco conto o ininfluente sulla capacità erettiva. Questo accade perché nella società moderna, nonostante i progressi nella conoscenza dei meccanismi di funzionamento della mente e del corpo umano, tra la gente comune si tende a credere ancora che l’erezione maschile sia qualcosa di totalmente “automatico”. Se il problema di erezione ti sta facendo disperare, e magari lo stai vivendo come un pensiero ossessivo, le risposte che puoi trovare su blog e forum generici possono solo farti disperare ancora di più perché possono alimentare la convinzione errata di essere un caso raro, un caso isolato e irrisolvibile. E la naturale conseguenza di ciò sarà, quasi sicuramente, la mancanza totale o parziale di erezione . Ti sto suggerendo di andare da lui perché, a volte, i problemi di erezione non sono altro che il sintomo di problematiche più gravi, ma non ancora manifeste come, per esempio, problemi cardiaci, di circolazione o diabete.

Talvolta i medici irrorano le vene del pene con soluzione salina per aiutare la rimozione del sangue ipossigenato o dei coaguli di sangue. Il professor Vincenzo Mirone, urologo a Napoli, ha dichiarato in una intervista che “l’eiaculazione precoce è una malattia, ed è la più importante disfunzione sessuale maschile, che coinvolge 4 milioni di italiani. Il loro vero problema è non considerare questa come una malattia, ma come un disagio, e dunque il vero punto da agganciare è far capire al maschio che questa è una malattia vera, quindi fare un lavoro di tipo culturale”. Fisiologicamente, durante l’atto sessuale , i corpi cavernosi del pene tendono a riempirsi di sangue andando a creare un rigonfiamento ed un inturgidimento dell’organo. In caso di disfunzione erettile, invece, perdono il corretto afflusso di sangue o, addirittura, vanno incontro ad un più rapido svuotamento, andando a ridurre drasticamente i tempi del rapporto sessuale.

Si verifica comunemente nei bambini dai 5 ai 10 anni e negli uomini tra 20 e 50 anni di età. Il medico inizia ponendo al soggetto delle domande sui sintomi e sulla sua anamnesi medica. In base ai risultati dell’esame obiettivo e dell’anamnesi, i medici sono solitamente in grado di individuare la causa della DE e di suggerire eventuali esami aggiuntivi .