Uncategorized

Eiaculazione Precoce, Perché Non È Una Malattia

Alla difficoltà nel controllo dell’eiaculazione può inoltre contribuire il fenomeno dell’ansia da prestazione e una difficoltà più generale a gestire ed esprimere le emozioni. L’eiaculazione precoce è un disturbo sessuale maschile caratterizzato da una difficoltà stabile e persistente nel controllo volontario dell’eiaculazione, cosicchè questa arriva in seguito a una minima stimolazione e prima che il soggetto lo desideri, spesso prima che la partner abbia raggiunto l’orgasmo. Se l’eiaculazione precoce si verifica solo occasionalmente, è improbabile che causi problemi. Tuttavia, se lo provi per la maggior parte o tutto il tempo durante il sesso, dovresti consultare un medico. Potrebbero farti fare un esame del sangue per escludere eventuali condizioni fisiche sottostanti e consigliare un trattamento adeguato in base alle tue circostanze personali. Tuttavia, questo può variare da persona a persona, poiché non esiste un modo giusto o sbagliato di fare sesso.

Eiaculazione precoce

Quindi, non semplicemente come ritardare l’eiaculazione ma come curare il paziente e la coppia. L’aspetto diagnostico dell’eiaculazione precoce è veramente complesso a causa del pudore del paziente che ne soffre, oltre che per quell’aspetto di soggettività che rende difficoltosa la diagnosi clinica. La formulazione di Masters e Johnson è un metodo efficace, ma è fondamentale che la coppia sia affiatata e che esista un’unione profonda tra i due partner; infatti la cura è da svolgersi rigorosamente in due. Non è adatta quindi alle coppie precarie o quando la donna prova un forte risentimento nei confronti del partner.

Cause Biologiche Dell’eiaculazione Precoce

In relata questa malsana strategia sposta si il focus dal piacere al dolore, ma, in situazioni si assenza di un sentire adeguato, l’eiaculazione scappa via ancora più precocemente. Per quanto riguarda le cause, in ambito sessuologico, si parla sempre di multifattorialità. Non è possibile trovare un’unica causa scatenante, tantomeno effettuare una miope e disfunzionale caccia alle streghe. L’obiettivo dello specialista è quello di trovare un linguaggio comune che oltrepassi la dimensione di soggettività per indirizzarsi verso una diagnosi clinica chiara e scrupolosa, step indispensabile per la futura rotta terapeutica per il paziente e per la coppia. L’eiaculazione precoce è spesso sottovalutata, cerchiamo di capire insieme come prevenirla e come curarla.

Infine, la terapia farmacologica rappresenta la forma di terapia più impiegata, ma tutt’ora anche la più discussa. Ad oggi sono pochissimi i farmaci approvati per la terapia dell’eiaculazione precoce primaria o secondaria. Il problema principale del trattamento farmacologico è che l’efficacia è limitata alle ore successive all’assunzione della compressa, e quindi da sola questa terapia non è in grado di risolvere in maniera definitiva il problema. Ciascuna tecnica abitua il soggetto a raggiungere un alto livello di eccitazione senza eiaculare. Entrambe le tecniche implicano l’auto-stimolazione del pene o la stimolazione da parte di un partner, fino a quando il soggetto sente di essere vicino all’eiaculazione. Se questa tecnica viene utilizzata insieme ad un partner, la stimolazione è inizialmente manuale e successivamente avviene prima o durante il coito.

< h3 id="toc-1">Vari Tipi Di Eiaculazione Precoce

Fluoxetina, Fluvoxamina , Paroxetina, Sertralina , Citalopram ed Escitalopram sono stati impiegati con successo fin dagli anni ’90 , pur utilizzandoli “off-label”, cioè prescrivendoli per un impiego al di fuori delle indicazioni terapeutiche approvate ufficialmente, uso comunque ampiamente supportato da una vasta letteratura scientifica mondiale. La mia personale esperienza clinica in tale ambito terapeutico è stata certamente positiva, sia in termini di efficacia che di sicurezza d’uso, particolarmente per quanto riguarda la Sertralina e la Paroxetina. Durante la visita si somministrano generalmente alcuni questionari validati allo scopo di inquadrare il problema. Si procederà successivamente a un accurato esame clinico, volto anche ad escludere la presenza di eventuali patologie infiammatorie prostatiche. Due sono le strategie principali, che possono integrarsi in una terapia sessuologica ben fatta.

Eiaculazione precoce

S. Kaplan a ipotizzare che la difesa percettiva dell’individuo nei confronti delle proprie sensazioni erotiche, motivate dalle cause suesposte e da altre ancora ipotizzabili, fosse alla base del mancato apprendimento del controllo volontario sul riflesso eiaculatorio e quindi dell’eiaculazione precoce. Tipicamente, quando i pazienti raccontano la loro storia, quelli che soffrono di una forma di precocitàprimariasi distinguono in coloro che si sono accorti subito della loro precocità e in altri che hanno preso coscienza del disturbo gradualmente. Questo avviene, in genere, perché ,nel secondo caso, il primo periodo della vita sessuale è caratterizzato da rapporti più che altro di petting o fugaci, nel corso dei quali per il ragazzo non è sempre facile rendersi pienamente conto delle proprie reazioni e dell’esistenza di un controllo o meno.

< h3 id="toc-2">Eiaculazione Precoce: Cause

Verso i 40 anni questo meccanismo, si direbbe, per sopraggiunti limiti di età, non funziona più e persone che avevano avuto una vita sessuale apparentemente normale o anche particolarmente intensa fino a quel momento, si trovano, visto che il periodo in cui si è fisicamente refrattari ad un secondo rapporto aumenta, con l’arma spuntata ed in grosse difficoltà. Potremmo dire che il controllo sull’eiaculazione salta, perché non si riesce a raggiungere o mantenere appunto una normale erezione e la persona viene presto, per così dire, perchè spesso teme di non riuscire ad avere un’erezione adeguata per il tempo necessario. Anche questa forma è notevolmente insidiosa e, talvolta, può essere scambiata dal terapeuta per una vera precocità, con la conseguenza che ad una diagnosi sbagliata segue un trattamento inefficace e deludente per entrambi, terapeuta e paziente.

Perché ad un uomo non gli si alza?

Cause psicologiche

Tra questi c’è lo stress, l’ansia, la depressione, la sindrome del vedovo, la bassa autostima, il disturbo post-traumatico da stress e la paura del fallimento sessuale o ansia da prestazione.

Nel nostro studio realizziamo un SEX-TRAINING per il trattamento rapido ed efficace della EP che permette in poche sedute mirate e specifiche di far acquisire tecniche di comportamento sessuale attraverso una integrazione piena fra mente e corpo. Tali traguardi vengono raggiunti in poche sedute ( 4-5 ) in modo da far apprendere subito un atteggiamento positivo ed efficace che porti nell’atto sessuale ad avvalersi di tutta l’energia esprimibile dalla unità funzionale mente e corpo. Per una ottimizzazione dei tempi e dei risultati possono essere applicate anche tecniche di Biofeedback e ipnotiche. Sarà importante rafforzare anche la vostra autostima sessuale e superare le vostre insicurezze per arrivare a considerarvi, finalmente, uomini normali che approcciano il rapporto sessuale senza quelle ansie e quelle paure che spesso vi bloccano fino a farvelo evitare.

L’eiaculazione precoce è un fenomeno che spesso viene considerato come “incapacità” o “incompetenza sessuale” perché letto e interpretato seguendo una linea di “prestazione”. Esso invece è spesso legato a problemi fisiologici o psicologici, in ogni caso ha cause individuabili grazie ad un percorso medico e risolvibili. Ad esempio tra le principali cause fisiologiche dell’eiaculazione precoce potremmo trovare la ghiandola prostatica.

Alcuni ricercatori prendono come punto di riferimento, per poter parlare di precocità nell’eiaculazione, il fatto che l’uomo non sia in grado di trattenersi in modo tale che la donna sia soddisfatta in almeno il 50% dei casi. Generalmente l’eiaculazione precoce avviene tra i 60 secondi e i 2 minuti ma può variare da soggetto a soggetto. L’orgasmo femminile è sempre scatenato dagli organi erettili femminili.Tutte le donne possono avere l’orgasmo anche durante il rapporto vaginale, grazie alla contemporanea stimolazione della clitoride con le dita. Il perpetuarsi nel tempo dell’esperienza dell’e.p., amplificata dal vissuto nefasto e di insoddisfazione della donna costituiscono il presupposto per l’instaurarsi e l’aggravarsi nel tempo delle difficoltà sessuali.

Eiaculazione precoce

Sul piano psichico, non è infrequente una sintomatologia secondaria di tipo ansioso-depressivo. Come in molti disturbi e disagi della sfera sessuale maschile, non sempre esiste una unica causa, all’evento possono partecipare più sistemi e non per ultima dobbiamo considerare una possibile componente psicogena, spesso causa o conseguenza del problema . Le cause possono essere di tipo psicologico ed emotivo e riguardare le dinamiche interne della coppia o, in casi più rari, essere determinate da fattori fisici come l’ipertiroidismo, ipersensibilità dell’apparato genitale maschile o infiammazioni come prostatite e vescicolite. Cercare di ridurre il piacere durante il rapporto (es. pensando ad altri argomenti, politica, problemi economici ecc.), nella convinzione che un simile atteggiamento possa ritardare l’eiaculazione. Ansia sociale, ansia da prestazione, depressione, problemi di coppia, insoddisfazione per l’immagine corporea, assuefazione da masturbazione ed esperienze sessuali negative sono tutti fattori che spesso contribuiscono a generare il disturbo. Gli uomini con questo disturbo vivono rapporti sessuali veloci e insoddisfacenti compromettendo la qualità della vita.

Cura

S. Kaplan che rimane a tutt’oggi centrale per la comprensione del disturbo, cioe’ il fatto chel’uomo che presenta questo problema sente di non avere un sostanziale controllo dell’eiaculazione, che si presenta come un evento subito, piuttosto che ricercato. Troppo spesso esso viene classificato in base a preconcetti e false opinioni che non hanno basi scientifiche. E’ particolarmente importante evitare la contemporanea assunzione di alcolici con Dapoxetina, che potrebbero aumentare il rischio di svenimento ed altri effetti collaterali legati all’alcol. Nei casi più persistenti il ricorso al sessuologo può risultare decisivo sia per capire le cause che mantengono il problema ( ansie, insicurezze, inesperienza, iper-eccitazione da troppa attesa e/o da troppo coinvolgimento, ipersensibilità del glande… ) sia per l’ unica proposta completa e strutturale che è il TRAINING-SESSUALE.

  • Il problema principale del trattamento farmacologico è che l’efficacia è limitata alle ore successive all’assunzione della compressa, e quindi da sola questa terapia non è in grado di risolvere in maniera definitiva il problema.
  • Il trattamento dell’eiaculazione precoce si basa di solito su diverse strategie, combinate a seconda delle caratteristiche del singolo paziente.
  • L’avere un rapporto sessuale meno frequentemente di quanto desiderato potrebbe peggiorare il problema, rendendo il soggetto ancora più sensibile.
  • Il sociologo Ross Morrow dell’Università di Sydney sostiene addirittura che sia un problema culturale.

Così ricorre a strategie “fai da te” aggravando la sintomatologia senza risolvere il problema. Molte persone che soffrono di eiaculaizone precoce utilizzano l’alcool come disinibitore, o/e come ansiolitico ma così facendo nel lungo periodo aggravano il problema con effetti dannosi sul controllo eiaculatorio. Esistono rari casi di precocità eiaculatoria, generalmente transitoria, connessi a cause organiche. Chi è affetto da eiaculazione precoce lamenta mancanza di controllo della stessa e apprensione per l’incapacità di ritardarla. In genere, la maggior parte dei maschi con eiaculazione precoce possono ritardare l’orgasmo durante la masturbazione per un tempo notevolmente più lungo che durante il coito. Tuttavia, l’eiaculazione precoce resta una condizione sotto-diagnosticata e sotto- trattata , perché molti uomini non cercano una cura medica o l’assistenza di un medico, soprattutto per inibizioni di carattere psicologico.

È considerata la disfunzione sessuale maschile più diffusa, in quanto affligge oltre il 30% degli uomini. Il miglior trattamento per l’eiaculazione precoce primaria o secondaria dipenderà dalla causa sottostante. L’eiaculazione precoce secondaria che si è verificata a seguito di esperienze negative o ansia potrebbe richiedere una terapia verbale o un consulto di coppia per trattare efficacemente.