Uncategorized

Eiaculazione Precoce, Perché Non È Una Malattia

Oggi è invece disponibile un farmaco dedicato che può essere assunto al bisogno prima del rapporto sessuale, senza necessità di eseguire terapie continuative; questo farmaco si è dimostrato nei test preclinici e nell’esperienza dei primi anni di utilizzo su vasta scala un rimedio sicuro ed efficace, soprattutto per i casi più gravi di eiaculazione precoce. Il problema principale della terapia farmacologica è che l’efficacia è limitata alle ore successive all’assunzione della compressa, e quindi da sola questa terapia non è in gradodi risolvere in maniera definitiva il problema. Ad esempio, nel caso dell’eiaculazione precoce di tipo primario, la diagnosi è abbastanza immediata e sarà dovere dello specialista istruire il paziente ad avere una maggior padronanza del proprio corpo, ritardando il più possibile il famigerato “punto di non ritorno”. L’eiaculazione precoce secondaria, invece, risulta più complessa poiché richiede un’attenta analisi psicologica del soggetto. Ma le vere difficoltà nella diagnosi sono causate dalla difficoltà dei pazienti a parlare della propria condizione, e questo porta a sottostimare la diffusione del problema, perché riluttanti ad ammetterla, discuterla o parlarne al medico. Al contrario, incoraggiamo a parlarne senza imbarazzo, senza vergogna, senza inutili e insensati sensi di colpa, a parlarne anche con la propria partner e dunque rivolgersi ad un medico.

Eiaculazione precoce

È difficile definire quale sia la durata fisiologica di un rapporto sessuale dalla penetrazione all’eiaculazione essendo estremamente variabile da coppia a coppia. A parte i casi estremi in cui l’eiaculazione avviene ancora prima della penetrazione (eiaculazione precoce “ante-portam”) o pochi secondi dopo, è fondamentale stabilire se i tempi di eiaculazione in quella particolare coppia diminuiscono la qualità del rapporto sessuale e la soddisfazione di uno o entrambi i partner. La masturbazione può aiutare a superare l’eiaculazione precoce prendendola lentamente per riprendere il controllo. Puoi anche implementare la tecnica start-stop per allenare il tuo corpo a ritardare l’orgasmo.

Leiaculazione Precoce Si Puo Curare!

Il ruolo della donna nella tecnica dello squeeze è fondamentale poiché, quest’ultima, anziché fermarsi, quando il compagno le comunica l’approssimarsi del momento critico, dovrà afferrare il pene eretto sotto il glande e schiacciarlo con forza, fino a che l’uomo non perderà buona parte della sua erezione. In altre parole l’uomo tende a masturbarsi in maniera “veloce”, abituando il proprio corpo ad una velocizzazione del processo orgasmico, che poi non manca di attuarsi anche nel rapporto sessuale con il partner. In questi casi, gli esercizi per il pubococcigeo possono tornare utili, poiché, fatti in modo corretto, permettono una maggiore consapevolezza ed un maggior controllo della zona pelvica e del muscolo pubococcigeo. L’osservazione che un training sessuale, individuale e/o di coppia, condotto all’interno di una terapia sessuale effettuata da un terapeuta esperto,conduce di norma al miglioramento del controllo volontario sul riflesso dell’orgasmo e al superamento della precocita’,portò la H.

Eiaculazione precoce

La dapoxetina aumenta la quantità di serotonina nelle sinapsi dei centri nervosi che controllano l’eiaculazione “facendo aumentare il controllo dell’eiaculazione e, di conseguenza, riuscendo a ritardarla”.Dal punto di vista farmacologico la dapoxetina è un antidepressivo modificato per diminuirne il tempo di efficacia. Questo vuol dire che i suoi effetti durano poco.Il farmaco che è stato modificato per ottenere la dapoxetina era un antidepressivo il cui effetto collaterale principale era il fatto che ritardava l’eiaculazione. La frequentazione reciproca, la confidenza, l’abitudine ad avere rapporti sessuali infonde sicurezza e dà tranquillità e ciò permette, solitamente, di recuperare padronanza nel gestire le proprie emozioni e adattare i tempi del piacere alle esigenze della coppia.

< h3 id="toc-1">Come Si Riconosce Leiaculazione Precoce

La tecnica dello stop start è utile per far si che l’uomo si rilassi ed accantoni l’ansia mentale, poiché spesso e volentieri è proprio l’agitazione a causare eiaculazione precoce. Al centro del problema dell’eiaculazione precoce vi è, quindi, la mancata capacità di controllo di questo atto da parte dell’uomo. Appena la situazione lo rende possibile, vanno però gradualmente eliminati perche’ la loro assunzione non permette una terapia efficace della precocita’, che richiede invece alla fine il pieno vissuto della propria iper-reattività, da controllare progressivamente e risolvere attraverso un adeguato trattamento sessuologico. Questo disturbo e’ caratterizzato da “una persistente e ricorrente insorgenza dell’orgasmo e dell’eiaculazione a seguito di una minima stimolazione sessuale prima, durante o subito dopo la penetrazione e prima che il soggetto lo desideri” . Vennero fatti vari Studi ed il più prestigioso presso l’Università dell’Aquila dove venne dimostrato che l’infiammazione prostatica era presente nel 56,5% dei soggetti con eiaculazione precoce e tra questi il 47,8% risultava affetto da prostatite batterica. Quindi, per la prima volta, questa disfunzione sessuale venne correlata ad un preciso fattore organico, in quanto sino ad allora era ritenuto un fenomeno legasto solamente a fattori psicologici .

Il “gioco sessuale” ricomincia fino all’approssimarsi della nuova fase di emissione per un numero di volte accuratamente prescritto dal terapeuta. Fino ad oggi la terapia farmacologica prevedeva trattamenti topici, come spray o creme anestetizzanti, per ridurre la sensibilità del pene, e la prescrizione di farmaci solitamente sviluppati e approvati per altre condizioni mediche, come il dolore o la depressione. La diagnosi è essenzialmente clinica sulla base dell’esperienza raccontata dal paziente e con l’ausilio di un questionario specifico (PEDT – Premature Ejaculation Diagnostic Tool). Valutazioni specifiche possono essere necessarie per riconoscere eventuali patologie sottostanti.

Come aumentare eccitazione donna?

La carenza di libido femminile è direttamente collegata agli ormoni androgeni, ovvero il testosterone, ma anche la dopamina gioca un ruolo importante. Per aumentare la libido femminile è utile assumere degli integratori di vitamina D, magnesio, che aumenta il testosterone libero, antiossidanti e vitamine del gruppo B.

Un caso del genere è la resezione del nervo vago che sopprime sensibilità al pene senza alcun ritorno risolutivo sulla eiaculazione precoce, ma con conseguenze drammatiche sulla percezione delle sensazioni e quindi sul piacere. Spesso chi ne è affetto è restio a parlarne col proprio medico per vergogna, retaggio culturale etc. (solo il 9% soprattutto dopo richiesta della partner insoddisfatta). L’eiaculazione precoce non è pericolosa ma potrebbe essere un segno di un problema alla tiroide o alla prostata.

Cause Biologiche Dell’eiaculazione Precoce

L’eiaculazione precoce viene osservata maggiormente in uomini giovani e generalmente è presente fin dalle loro prime esperienze sessuali . Comunque, alcuni uomini perdono la capacità di ritardare l’orgasmo dopo un periodo di funzionamento adeguato. Non esiste un criterio preciso, né sintomi precisi, per definire quand’è che si possa parlare di vera e propria eiaculazione precoce, perché non esiste un tempo stabilito a priori che un uomo dovrebbe “durare”.

  • In una società moderna, caratterizzata da una vita frenetica e da un abbattimento delle barriere sociali con l’apertura a forme di libertà sessuali che permettono di esprimere le personalità dei singoli individui, si continuano a evidenziare un aumento esponenziale delle problematiche riguardanti la sfera sessuale.
  • Nella valutazione sull’eventuale trattamento dell’eiaculazione precoce sarà importante, innanzitutto, concentrarsi sueventuali cause secondarie.
  • I trattamenti prescritti per l’eiaculazione precoce di solito non sono specificamente progettati per questo, ma sono utili con l’uso off-label.
  • Il trascorrere degli anni può avere influenze di vario tipo nella persona che presenta il problema.

Questo è il motivo per cui è importante consultare il medico in modo che possa escludere qualsiasi causa fisica. Conflitti e incomprensioni possono portare l’uomo a voler concludere il rapporto il prima possibile, giusto per soddisfare la pulsione sessuale di ottenere l’orgasmo ma senza condurre un rapporto sessuale duraturo per via della mancanza di intesa e feeling con la partner. Lo stesso problema si può verificare quando vi è presente, da parte del maschio, un odio o un conflitto generico verso la sfera femminile. È, senza dubbio, la disfunzione sessuale maschile più diffusa in assoluto, tanto che gli studi e le stime parlano di almeno il 30% di maschi affetti da questo problema, in modo costante od occasionale nell’arco della propria vita sessuale. La terapia psicologica è utile per insegnare agli uomini a modulare la propria risposta psicosessuale e a recuperare una parte conscia del controllo sull’eiaculazione.

< h3 id="toc-3">Esistono Terapie Farmacologiche Dell’eiaculazione Precoce?

Per curare questo specifico problema e riuscire a godere appieno del rapporto sessuale senza doversi preoccupare della rapidità con cui l’amplesso potrebbe terminare, è possibile adottare diverse metodologie. Oltre al trattamento farmacologico, è possibile abbinare una serie di esercizi per migliorare il riflesso eiaculatorio precoce che stimolino un maggior controllo del muscolo pubococcigeo. L’eiaculazione precoce rappresenta l’eiaculazione incontrollata ed involontaria prima, durante o subito dopo la penetrazione sessuale. Avviene con minima stimolazione sessuale e prima che l’uomo lo desideri, di solito entro un minuto dalla penetrazione. Essa può comportare rapporti sessuali insoddisfacenti per entrambi i partner e ciò può aumentare l’ansia che sopraggiunge ad aggravare il problema. La cura farmacologica, sia con i “vecchi” farmaci, sia con la nuova Dapoxetina, se ben condotta, è ben tollerata e priva di effetti collaterali significativi.

Eiaculazione precoce

Altri metodi che possono aiutare gli uomini a ritardare l’eiaculazione includono il trattamento con i farmaci . I trattamenti locali, che tendono a diminuire le sensazioni, come l’applicazione di un anestetico sul pene e l’utilizzo di profilattici, possono aiutare gli uomini a ritardare l’eiaculazione. Saltuariamente, potrebbe essere necessaria una combinazione di cure farmacologiche e di terapie comportamentali. Se l’eiaculazione precoce è provocata da problemi psicologici più seri, può essere di aiuto la terapia psicologica. Fino ad alcuni decenni fa, l’eiaculazione precoce non comportava ansie all’uomo perché nel fare l’amore non era essenziale l’orgasmo femminile. Oggi, invece, l’uomo si sente quasi obbligato a fare avere orgasmi alla partner durante il rapporto completo, il rapporto pene-vagina, solo con gli sfregamenti del pene sulle pareti vaginali.

Non esistono farmaci che curino,nel senso letterale del termine, la forma piu’ comune e piu’ classica dieiaculazione precoce, cioe’ quellaprimaria, che e’ presente fin dall’inizio dei rapporti sessuali nella vita dell’individuo. Tutta questa ansia scatenata dal rapporto sessuale presto indurrà a fare l’amore non per provare piacere ma per provare se il problema si è risolto. Si rischia così di alterare la dinamica del rapporto aggravando il problema che diviene l’unico modo di concludere un rapporto sessuale che la coppia può pensare di se stessa.

< h3 id="toc-4">Come Funzionano I Trattamenti Per L’eiaculazione Precoce?

La compromissione spesso si manifesta nella relazione di coppia generando conflitti, equivoci e malumori che rinforzano e aggravano la sintomatologia stessa. La definizione più semplice comprensibile dice che la EP è “eiaculazione con minimo stimolo e prima che desiderato, poco dopo e prima della penetrazione, che causa stress o insoddisfazione, e sul quale il paziente ha poca capacità di agire” (Seconda Conferenza interazionale sui disturbi sessuali”). Un tempo chiamato impotenza, il deficit erettivo è caratterizzato dalla “impossibilità a mantenere un’adeguata rigidità sufficiente per una prestazione soddisfacente per il soggetto“; è una disfunzione sessuale che compromette la seconda fase della risposta sessuale, cioè quella dell’eccitazione, e può non intaccare la fase del desiderio e la fare dell’orgasmo.

In una fase iniziale della sua vita sessuale, Alfredo non si rende conto di soffrire di un eiaculazione precoce. Non capisce, non sa con chi parlarne, e quando finalmente si decide; il medico che lo prende in cura gli diagnostica una prostatite. Quando termina la cura per la prostatite, ovviamente, insieme alla prostatite non guarisce la sua eiaculazione precoce che ha origini ben più lontane e del tutto diverse. I ragazzini alle prime armi, per esempio, lamentano episodi di eiaculazione precoce, che potrebbero tranquillamente rientrare da sole – in assenza di cause organiche o psichiche – nel tempo, grazie alla conoscenza della loro sessualità, all’esperienza e all’empatia sessuale di coppia. L’anamnesi psico-sessuologica di molti pazienti con eiaculazione precoce dimostra come questi pazienti, nella maggior parte dei casi, abbiano già sofferto di episodi di eiaculazione precoce nel loro storico sessuale, anche se in maniera occasionale, in risposta a episodi di stress, depressione o ansia, oppure a seguito dell’assunzione di piccole quote di alcool. La tecnica dello stop start prevede che l’uomo assuma una posizione comoda, possibilmente sdraiato sulla schiena, in modo da favorire la concentrazione sulle sensazioni piacevoli che prova mentre è stimolato dalla partner.