Uncategorized

Eiaculazione Senza Sperma O Aspermia

Di questi, i cookies che sono categorizzati come necessari sono memorizzati nel tuo browser come essenziali per il funzionamento delle funzionalità di base del sito. Usiamo inoltre cookies di terze parti che possono aiutarci ad analizzare e capire capire come usi il sito. Ma la disattivazione di questi cookies potrebbe avere effetti sulla tua esperienza di navigazione.

Perché dopo aver fatto l’amore scappa la pipì?

un bel Riposino. Cosa succede poco dopo il rapporto sessuale? A distanza di pochi minuti, l’amigdala e la corteccia cingolata trasmettono al cervello l’impulso di acquietare il desiderio sessuale. E così l’organismo maschile produce intanto serotonina ed ossitocina, ormoni che inducono la necessità di benefico riposo.

Dal momento che i livelli di stress hanno un impatto fisiologico sulla risposta sessuale, la prima opzione è quella di alleviare il carico lavorativo e regolarizzare i ritmi sonno-veglia; in tal senso è utile anche ridurre, se non eliminare, l’assunzione di sostanze come alcol e nicotina. Anche altre condizioni che danneggiano i nervi del pene, così come alcuni disturbi mentali e alcuni farmaci utilizzati per trattare i disturbi mentali, possono incidere sulla capacità di eiaculare. La parola azoospermia, invece, fa riferimento ai casi in cui l’eiaculazione porta all’emissione di un liquido seminale privo di spermatozoi.

Perché Gli Uomini Tacciono Dopo Il Sesso?

Infatti, possono passare pochi minuti prima che un uomo sia di nuovo “pronto a partire”. L’aspermia, come abbiamo detto, si riferisce alla mancanza di espulsione dello sperma. “Una modalità persistente o ricorrente di eiaculazione che si verifica durante i rapporti sessuali, circa un minuto dopo la penetrazione vaginale e prima che l’individuo lo desideri” (DSM-5, 2014). L’Eiaculazione Precoce, secondo il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali , rientra nelle disfunzioni sessuali maschili. Nonostante i criteri diagnostici riportino la necessità che gli episodi abbiano una durata di circa un minuto e siano presenti da circa sei mesi almeno nel 75% dei rapporti sessuali, è da sottolineare come non esista un criterio univoco per determinare la presenza di eiaculazione precoce. Il trattamento dipende dalla causa e può includere l’interruzione di qualsiasi farmaco che stia causando il problema, la psicoterapia, oppure l’aiutare ad attivare l’eiaculazione utilizzando farmaci orali come la pseudoefedrina e/o l’imipramina.

  • Questo disturbo sessuale, oltre alla natura organica o psichica, rappresenta spesso la conseguenza di una inadeguata stimolazione psicologica e fisica, per la mancanza di preliminari e per l’assenza delle fantasie erotiche.
  • E’ definita come “un’inibizione specifica del riflesso eiaculatorio” (Kaplan, 1974,pg.371), nonostante una stimolazione lunga ed adeguata per innescare il riflesso orgasmico.
  • A mio avviso, questo modo di vedere, consente di integrare ragionevolmente la passata teoria che vedeva l’eiaculazione precoce solo come un semplice comportamento viziato, con la recente interpretazione “biochimica” circa le origini del disturbo.
  • Gli uomini con questo disturbo vivono rapporti sessuali veloci e insoddisfacenti compromettendo la qualità della vita.
  • In altre parole, da dopo la prima contrazione, è impossibile interrompere volontariamente l’eiaculazione.
  • L’ansia e la difficoltà ad abbandonarsi all’esperienza sessuale sono determinanti nell’inibire la risposta eiaculatoria.

Questo può aiutare ad abituare il tuo corpo a una stimolazione sessuale che dura più a lungo. I trattamenti prescritti per l’eiaculazione precoce di solito non sono specificamente progettati per questo, ma sono utili con l’uso off-label. Gli antidepressivi agiscono ritardando l’orgasmo, che è uno degli effetti collaterali del farmaco. Tramadol potrebbe essere somministrato se gli antidepressivi non funzionano, ha anche lo stesso effetto di ritardare l’eiaculazione. Le creme anestetiche agiscono diminuendo la sensibilità del tuo pene per ritardare l’eiaculazione.

< h3 id="toc-1">Esistono Diversi Trattamenti Per L’eiaculazione Precoce Primaria E Secondaria?

Ecco quindi che in questi casi la psicoterapia di coppia diventa il metodo di elezione che permette di affrontare le dinamiche relazionali che mantengono o acuiscono la disfunzione. Essa prevede un percorso mirato volto all’aumento dei tempi di latenza eiaculatoria attraverso lo sviluppo della consapevolezza circa le sensazioni fisiche che precedono l’orgasmo. Questo obiettivo è raggiunto sia attraverso tecniche comportamentali come lo stop-start, sia tramite un lavoro cognitivo di gestione dell’ansia da prestazione.

eiaculazione

Nella gran parte dei casi è un disturbo che accompagna il soggetto fin dai primi rapporti sessuali (eiaculazione precoce PRIMITIVA, o “long-life” ); è stato stimato che interessi circa il10-15% dei maschi adultied è sicuramente il disturbo sessuale piu’ diffuso e piu’ taciuto. Gli uomini più giovani con periodi refrattari brevi possono averli occasionalmente. Il periodo refrattario è un periodo di tempo dopo l’orgasmo durante il quale il corpo di un uomo si riprende e non risponde alla stimolazione sessuale.

< h3 id="toc-2">L’alcol Influisce Sull’eiaculazione Precoce?

Lo sperma entra nella vescica, invece di dirigersi attraverso il pene durante l’orgasmo. L’eiaculazione retrograda è responsabile dello 0,4-2% di tutti i casi di infertilità maschile ed è più spesso dovuta a precedenti farmaci o procedure chirurgiche che hanno causato il rilassamento del muscolo del collo della vescica. Anche dei disturbi neurologici e il diabete possono influenzare quest’area, provocando un’eiaculazione retrograda.

L’eiaculazione retrograda rappresenta un disturbo in cui l’emissione di sperma segue una direzione opposta a quella che normalmente dovrebbe percorrere, cioè viene respinto all’indietro verso la vescica ( rgano che raccoglie l’urina) anziché uscire all’esterno attraverso il pene. Le cause possono essere di tipo psicologico ed emotivo e riguardare le dinamiche interne della coppia o, in casi più rari, essere determinate da fattori fisici come l’ipertiroidismo, ipersensibilità dell’apparato genitale maschile o infiammazioni come prostatite e vescicolite. La consapevolezza di avere problemi di salute, in modo particolare se a carico del cuore, come il rischio di infarto.

Perché l’uomo si eccita ma non conclude?

Essere eccessivamente inclini al sesso, infatti, così come astenersi a lungo dal farlo può essere ugualmente deleterio per la salute e causare effetti collaterali anche molto gravi: a dirlo sono ben due ricerche indipendenti, entrambe americane, che hanno mostrato, da un lato, come troppa attività sotto le lenzuola

Questa forma di aspermia risponde bene al trattamento farmacologico; in particolare, i farmaci simpaticomimetici, cioè che stimolano il sistema nervoso simpatico, che sono in grado di ripristinare l’eiaculazione nel % dei casi, con effetti collaterali minimi, se non nulli. E’ corretto parlare di eiaculazione precoce quando la stessa si manifesta fuori controllo prima che si abbia la possibilità di avere un rapporto soddisfacente per sé e/o per la partner. Nel soggetto affetto da eiaculazione precoce si verifica una persistente o ricorrente incapacità ad esercitare azione di controllo volontario sul riflesso eiaculatorio subito prima o durante l’atto della penetrazione vaginale o in risposta a una bassa soglia di stimolazione sessuale.

Secondo l’accezione clinica classica, l’eiaculazione precoce è quella che avviene prima della penetrazione, detta “ante portam”. L’eiaculazione precoce è un disordine dell’orgasmo che si verifica durante il rapporto sessuale. Si verifica quando l’eiaculazione mascolina avviene prima del previsto e contro la volontà. Nei casi più gravi, l’uomo può eiaculare prima della penetrazione o pochi secondi dopo averlo fatto. La cura farmacologica, sia con i “vecchi” farmaci, sia con la nuova Dapoxetina, se ben condotta, è ben tollerata e priva di effetti collaterali significativi. Gli esercizi proposti provengono dalla vasta letteratura sull’argomento e sono scelti con il criterio di rispettare il piu’ possibile la naturale spontaneità del rapporto sessuale e le abitudini della coppia.

L’eiaculazione è il risultato di un riflesso che risulta da due importanti fattori. La capacità di assecondare la gradualità che permetterebbe di vivere l’atto sessuale nella sua interezza e la capacità di adeguare le risposte alla effettiva intensità degli stimoli ricevuti sono competenze acquisibili ed è questo l’obiettivo terapeutico del nostro specifico e mirato Training Sessuale. La grande esperienza maturata ci permette di trattare questo disturbo anche con CONSULENZE ON LINE . Allo stato attuale, la percentuale di successo terapeutico risulta molto elevata ed è quindi buona norma consultarsi con un Andrologo Specialista, in grado di indagare a fondo la problematica e stabilire la giusta cura per l’eiaculazione precoce.

eiaculazione

La psicologia comportamentista ritiene che l’origine del disturbo sia da attribuire a prime esperienze sessuali vissute in maniera traumatica dall’individuo. Dal punto di vista psicoanalitico tale disfunzione è considerata invece come l’espressione di inconsci desideri sadici, punitivi ed ambivalenti nei confronti delle donne, desideri determinati da una immaturità emozionale del soggetto . L’ansia, proprio come nel deficit erettile, ha un ruolo determinante nella genesi di questo disturbo, in quanto, secondo quanto emerso da diversi studi, proprio nel momento in cui l’uomo raggiunge alti livelli di eccitamento inizia a provare forti sentimenti d’ansia che determinerebbero un orgasmo involontario. Il momento eiaculatorio è proprio dell’atto sessuale e, come ogni aspetto dell’esperienza sessuale, è condizionato da fattori organici, psicologici, relazionali ed ambientali. In ogni caso bisogna stare attenti alle terapie fai da te e/o con farmaci recuperati online per almeno due validi motivi. Primo, perché potrebbero essere contraffatti e nocivi; e poi perché, questi farmaci sono degli antidepressivi e come tutti gli antidepressivi, vanno sempre prescritti da un medico che vi abbia visitato e informato adeguatamente sul rapporto costi/benefici della terapia.

In passato si sosteneva l’importanza di fattori psichici e comportamentali tanto che vennero proposte tecniche sessuologiche tipo “start and stop”, “squeeze” che avrebbero dovuto “far re-imparare” al paziente la funzione eiaculatoria. Alcuni sostengono la compartecipazione di fattori psichici che altri, invece, ritengono sostanzialmente ininfluenti. In alcuni casi può esistere una spiccata ipersensibilità mucosa del glande che potrebbe scatenare l’eiaculazione. Si è pensato all’azione stimolante determinata da una fimosi o da un frenulo breve anche se non è stata dimostrata l’efficacia dalla loro correzione.

eiaculazione

Anche in questo disturbo vi è l’insorgere nel paziente di sentimenti di inadeguatezza, di scarsa autostima, di sensi di colpa per non riuscire a soddisfare la partner, i quali portano il soggetto o ad evitare i rapporti sessuali o a simulare l’orgasmo per nascondere il loro disturbo. Un minuto di rapporto sessuale ed è tutto finito, e le donne restano a bocca asciutta. La prima fase consiste nella contrazione degli organi riproduttivi interni (il condotto deferente, la prostata, le vescicole seminali, la parte interna dell’uretra) e avviene sotto il controllo del sistema nervoso autonomo.