Uncategorized

Erezione Nell’enciclopedia Treccani

Nella maggior parte dei casi, l’erezione persistente è determinata dall’impossibilità del sangue di abbandonare il pene. Il sangue torna indietro, impedendo a nuovo sangue ricco di ossigeno di irrorare il pene. Il priapismo prolungato può causare disfunzione erettile o addirittura necrosi del tessuto penieno. La terapia di secondo livello è rappresentata dall’iniezione intracavernosa di PGE che hanno un azione diretta nello stimolare l’afflusso di sangue al pene favorendo l’erezione indipendentemente dall’eccitazione. Si tratta di un erezione farmaco-indotta, attraverso un iniezione in un punto preciso del pene, utile nei casi più gravi di disfunzione erettile, non responsiva ai soli farmaci orali.

Questa categoria include solo i cookies per le funzionalità di base e sulla sicurezza del sito. In una percentuale variabile dal 35% al 75% dei maschi affetti da diabete si osserva la comparsa di un disturbo dell’erezione. Questo atteggiamento porta inevitabilmente al peggioramento del quadro complessivo che invece spesso può essere risolto anche abbastanza facilmente, se non sempre rapidamente, dopo la accurata diagnosi delle cause.

Un Segno Di Disfunzione Erettile

L’aterosclerosi rappresenta certamente la causa più comune di disfunzione erettile di origine arteriosa; altre cause di danno vascolare che vanno ricordate sono la chirurgia e la radioterapia della pelvi. Negli uomini con iperprolattinemia si ha invece un aumento della prolattina, che determina un deficit erettile associato a riduzione della libido e infertilità. Le diverse cause che possono determinare l’insorgenza di una disfunzione erettile si distinguono in psicogene, endocrine, neurogene, vascolari , e iatrogene . Un semplice test per valutare la capacità di erezione, da fare a casa, da soli e in pochi minuti. È utile per avere un’indicazione del livello di gravità del deficit erettivo e per trovare la motivazione a risolvere definitivamente questo problema. Il punto di partenza fondamentale, e che quasi tutti gli uomini ignorano, è la giusta condizione psicologica durante i rapporti di coppia per poter avviare in modo automatico il meccanismo fisiologico dell’erezione.

A questo scopo i pazienti vengono accuratamente informati di tutte le fasi dell’autoiniezione, dei possibili effetti collaterali e delle eventuali complicanze. Il testorerone è un ormone importante , anche se non decisivo, per avere un’erezione. Sappiamo che gli stati depressivi riducono il testosterone nel sangue così come la presenza di testicoli ridotti di volume . L’iniezione intracavernosa di farmaci vasoattivi permette di studiare, utilizzando un ecografo munito di sonda Doppler, l’emodinamica arteriosa del pene in erezione. In questo modo si può anche valutare il diametro interno delle arterie cavernose e misurare il flusso ematico prima e dopo l’iniezione del vasodilatatore.

La disfunzione dell’erezione è un problema sessuale assai frequente per molti uomini, a volte compare in modo repentino dopo un funzionamento normale, altre volte accompagna da sempre la vita sessuale. Riappropriarsi della propria soddisfazione sessuale è un diritto e un gesto di amore verso se stessi e verso coloro che ci amano e vogliono condividere con noi il piacere dell’intimità. Nessun test è in grado di sostituire il compito dello specialista sessuologo nel porre una diagnosi di disfunzione dell’erezione. Ma avere a disposizione uno strumento di autovalutazione veloce e maneggevole aiuta a rendersi conto della presenza o meno del problema e favorisce la consapevolezza necessaria a chiedere aiuto.

erezione

Trattandosi di rimedi naturali non è prevista una ricetta per l’acquisto, ma si consiglia di parlarne con il proprio medico e con un erborista. A livello psicologico stress, ansia, depressioni, stati d’animo non equilibrati condizionano fortemente il soggetto. C’è un accessorio che colpisce e attira l’attenzione in molte opere d’arte del ‘500.

< h3 id="toc-1">Valutazione Dellerezione Persistente

Anche se aumenta con l’avanzare dell’età, la disfunzione erettile non deve essere considerata una componente normale dell’invecchiamento. Piuttosto, poiché gli anziani più facilmente sviluppano patologie che influiscono sui vasi sanguigni, essi sono più propensi a contrarre la DE. Molte coppie di anziani svolgono attività sessuali soddisfacenti senza erezioni o coito, e potrebbero decidere di non ricercare alcun trattamento. Ciò nonostante, il trattamento della DE può essere appropriato per gli uomini anziani. Gli uomini che sono in grado di ottenere, ma non sostenere, un’erezione possono usare un anello di costrizione.

Cosa si deve mangiare per avere una buona erezione?

Damiana: i principi attivi contenuti nella pianta hanno un’azione simile a quella del testosterone e sono in grado di stimolare gli organi genitali, in particolare il centro dell’erezione, localizzato al livello del sistema nervoso parasimpatico pelvico sacrale, favorendo l’afflusso di sangue e la sensibilità nervosa

Nell’ uomo che lamenta un disturbo dell’erezione possono essere in gioco fattori ambientali e comportamentali quali stress, affaticamento, abuso di farmaci, di alcool o di tabacco. Il Sildenafil è in sostanza una pillola che, assunta 40 minuti prima di un rapporto sessuale può aiutare ad avere una erezione valida. Nonostante la spettacolare presentazione fatta da parte dei mass-media come “pillola miracolosa” o “nuovo afrodisiaco”, è a tutti gli effetti un farmaco e come tale deve essere considerato. Oggi sappiamo che le due maggiori cause che determinano una patologia ostruttiva arteriosa sono l’arteriosclerosi e i traumi. Altre cause possono essere l’esposizione a radiazioni o danni dopo interventi chirurgici. Ricordare sempre comunque che il più importante fattore di rischio associato ad un deficit erettivo è il fumo di sigaretta.

Erezione Persistente

La PDE5 è un enzima che interferisce con l’azione dell’ossido nitrico , che è un neurotramsettitore con azione dilatante sui vasi sanguigni del pene, azione che fa aumentare il flusso di sangue e produce un’erezione. Altre concause che possono favorire l’insorgenza di problemi di erezione sono l’ipertensione arteriosa, colesterolo e trigliceridi alti , sovrappeso, aumento della circonferenza vita, abbassamento del testosterone . La causa più comune della disfunzione erettile negli uomini oltre i 50 anni è l’aterosclerosi, o ispessimento delle arterie.

erezione

Trattare in modo diretto la causa della disfunzione erettile può aiutare a risolvere il problema. Il cambiamento dello stile di vita può fare una differenza positiva soprattutto per gli uomini più giovani. Ad ogni modo si può trarre beneficio dall’assunzione di farmaci o da altri trattamenti. Ignorare la patologia non è una scelta saggia, soprattutto perché può essere un segno di altri problemi di salute.

< h3 id="toc-3">Sezioni Del Sito

Secondo un’alisi condotta negli ultimi 10 anni, su ben 6 studi clinici, nel 75% degli uomini con deficit erettile sono stati rilevati sia la presenza di fattori organici che di problemi psicogeni. Si verifica infatti, anche a causa di errati preconcetti e tristi trend culturali, una auto classificazione del problema che viene definito “impotenza”. L’individuo ritiene di essere “impotente” o di essere diventato impotente, senza considerare l’ipotesi di una patologia temporanea e risolvibile come accade ad esempio in caso di prostatite. La cosa più importante, nel caso ci si renda conto di avere un deficit erettile, è di non considerare il fenomeno come un problema “prestazionale” come spesso accade, ma intraprendere subito la strada dell’indagine clinica del fenomeno. Ritrovare la serenità sessuale è quindi un percorso relativamente semplice, se assistiti da un valido professionista.

Il principale problema sta infatti nella disinformazione da parte dei maschi , riguardo le reali meccaniche legate alle dinamiche sessuali e all’erezione del pene. FATTORI ORGANICI derivanti da patologie presenti nell’individuo come Congestione Pelvica – Malattie vascolari – ipertensione arteriosa – diabete – squilibri endocrini – cause neurologiche – malattia di Peyronie – insufficienza venosa o fuga venosa. E’ scontato e intuibile come il trattamento dei disturbi dell’erezione richieda una consulenza approfondita che costituisca la base di un progetto terapeutico costruito sulle caratteristiche e il contesto del disturbo. Interessante l’ipotesi della Kaplan, che nel quadro di un’ipotesi psicosomatica della disfunzione erettile teorizza che quest’ultima possa non essere una difesa dall’angoscia e dall’ansia legate all’atto sessuale, quanto semplicemente una concomitante fisiologica di questi stati. Atteggiamenti di difesa involontari dalle sensazioni erotiche attraverso ”comportamenti di autosservazione o pensieri critici ossessivi” (H. Kaplan), che rendono difficile o impossibile il necessario abbandono, il perdersi nell’esperienza sessuale e inficiano le normali reazioni sessuali a vari livelli.

L’infarto del miocardio determina un deficit erettile in oltre il 45% dei pazienti e una più alta frequenza di disfunzione erettile si riscontra nei soggetti con ictus o altri incidenti cerebrovascolari (circa l’85%). La funzione erettile è stata misurata con l’International Index of Erectile Function e il Sexual Health Inventory for Men, spesso impiegati in ambito clinico, controllando l’eventuale influenza di ansia e depressione, che possono incidere sull’erezione. E questo rischio aumenta vertiginosamente acquistando le copie a basso costo di questi farmaci su qualche sito web dove, di norma, non viene nemmeno richiesta la prescrizione del medico. È definita dalla maggior parte degli studi come l’eiaculazione che avviene entro uno o due minuti dalla penetrazione, ed è spesso accompagnata da una sensazione di disagio e di ansia. Oggi c’è la tendenza a classificare ogni rapporto veloce come eiaculazione precoce e a curarla come una patologia.

  • Anche se i problemi di erezione del pene sono prevalenti fra gli uomini più anziani, sono molti i giovani dai 20 ai 30 anni che soffrono di erezione debole.
  • Pochi uomini vogliono parlare della loro incapacità di ottenere o mantenere un’erezione, tuttavia, la disfunzione erettile può avere un profondo impatto sulle relazioni e sull’autostima.
  • Durante la visita verrà posta particolare attenzione all’anamnesi , ai fattori di rischio, alla presenza di componenti psicologiche e alle eventuali terapie farmacologiche in atto.
  • Dosaggi ormonali, in particolare della prolattina e del testosterone, che possono influire sulla reazione di erezione.
  • Questo è il motivo per cui è importante determinare che cosa sta causando lo stress e adottare misure per ridurlo.

Per esempio, l’emozione di un primo incontro amoroso può cambiare molto la situazione. Utilizziamo i cookie per migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione. I dati raccolti dal sito nei cookie durante il suo funzionamento sono conservati per il tempo strettamente necessario a svolgere le attività precisate. Alla scadenza i dati saranno cancellati o anonimizzati, a meno che non sussistano ulteriori finalità per la conservazione degli stessi.