Uncategorized

La Disfunzione Erettile

Altre malattie neurologiche che hanno come sintomo associato l’impotenza sono sclerosi multipla, morbo di Parkinson, processi infiammatori o tumorali del sistema nervoso centrale, morbo di Alzheimer. I pazienti affetti da deficit erettile di tipo vascolare e, in alcuni casi di tipo psicogeno, si possono giovare di un trattamento con i farmaci inibitori dell’enzima fosfodiesterasi di tipo 5 , che potranno essere somministrati al bisogno oppure secondo cadenza giornaliera. La condizione necessaria-sufficiente affinché questi farmaci funzionino è che i fasci nervosi responsabili dell’erezione non abbiano subito danni da chirurgia o traumi pelvici. Il trattamento viene giudicato efficace da quasi tutti i pazienti con problemi di DE riconducibili a cause vascolari, che rappresentano il 70% dei pazienti con disfunzione erettile. Inoltre studi clinici hanno dimostrato un miglioramento significativo della funzione erettile almeno per mesi, indipendentemente dall’età del paziente e dalla gravità dei sintomi. Il deficit erettile, di solito è un problema transitorio (a meno che il paziente non abbia subito importanti interventi chirurgici a livello della prostata, vescica, sigma-retto) e può essere curato.

L’impotenza erigendi o meglio conosciuta scientificamente con il termine di Deficit Erettile, è quella condizione prettamente maschile, che viene definita secondo ISS e OMS (organizzazione mondiale della sanità), come l’incapacità di raggiungere o mantenere l’erezione al fine di avere un rapporto soddisfacente. L’impotenza è dovuta a cause neurologiche, quando deriva da quelle condizioni mediche che pregiudicano la salute del sistema nervoso centrale e dei nervi deputati al controllo del pene. Uomini con problemi di erezione di qualsiasi età che non vogliono assumere farmaci per non legare la loro vita sessuale all’assunzione di una compressa, ma preferiscono affidarsi ad un trattamento alternativo, anche se tecnologico, pur di mantenere la spontaneità e naturalezza del rapporto sessuale.

  • L’erezione peniena è una complessa risposta fisiologica, che rispecchia lo stato di eccitazione sessuale maschile e dipende dall’incastro perfetto di fattori vascolari, endocrini (cioè ormonali), neurologici, muscolari ed emozionali.
  • Questo problema riguarda una coppia di persone di sesso opposto e le cause sono molte e diverse da entrambe le parti.
  • Infatti, se la coppia non trova il modo per integrare questi cambiamenti in un modo diverso di fare l’amore, possono insorgere numerose difficoltà della gestione dell’eccitazione (Fenelli, Lorenzini, 1999; Simonelli, 1997).
  • L’impotenza è un tema molto delicato per la popolazione maschile, perché, in chi ne soffre, è fonte di imbarazzo e può avere un impatto fortemente negativo sul tono dell’umore, sulla relazione con il partner e sulla qualità della vita in generale.

Uno degli studi italiani più autorevoli, risalente al 2000, mostra come circa il 13% della popolazione maschile italiana presentiimpotenza sessuale, considerando i pazienti che soffrono sia di episodi ricorrenti, sia occasionali; di questi, il 70% ha più di sessant’anni (Parazzini e coll., 2000). La disfunzione erettile è quindi una condizione da non sottovalutare poiché può compromettere il benessere fisico e mentale-psicologico della persona, nonchè impattare sulle relazioni sessuali e sentimentali di chi ne è affetto. La disfunzione erettile può presentarsi come episodio isolato , oppure può rappresentare un problema cronico che si presenta ripetutamente. La disfunzione erettile può insorgere nell’ uomo a tutte le età, anche se appare più frequente in età avanzata.

Terapia

Maschile, un farmaco che stimola il GMP-ciclico, sostanza prodotta per impulso nervoso dal cervello che consente l’erezione. Nelle prove cliniche, tuttavia, si sono verificati effetti collaterali, quali cefalee, problemi di vista e collasso, per chi fa uso di antipertensivi ed è sotto trattamento con nitroglicerina. Come già evidenziato, uno dei fattori che possono influenzare una difficoltà nel raggiungimento dell’erezione peniena è legato al calo del desiderio sessuale. Con l’avanzare degli anni è naturale che l’erezione diventi spesso più difficoltosa e meno stabile.

Il trattamento potrà comunque essere ripetuto ogni volta che se ne sentisse il bisogno, in quanto indolore, mini-invasivo e soprattutto privo di effetti collaterali. Solv-ED è una tecnologia israeliana che si basa sulle onde d’urto a bassa intensità ed è indicata per la cura della disfunzione erettile maschile . Oggi è annunciata la più grande rivoluzione nella terapia della disfunzione erettile dall’introduzione, nel 1998, del primo farmaco in grado di indurre un’erezione in circa l’80% dei pazienti con DE.

Cosa fare se non si ha un’erezione?

Le diverse cause che possono determinare l’insorgenza di una disfunzione erettile si distinguono in psicogene (ansia e depressione), endocrine (ipogonadismo o riduzione del testosterone), neurogene (Sclerosi multipla, morbo di Parkinson, traumi), vascolari (diabete, ipertensione, aterosclerosi), farmacologiche (

Riguardo alle cause organiche individuiamo un’impotenza sessuale maschile di natura arteriosa, che determina un deficit di riempimento, e una di natura venosa, che si manifesta con un deficit di mantenimento. Nel primo caso la rigidità del pene non è sufficiente per consentire la penetrazione (la pressione del sangue nelle arterie cavernose è troppo bassa per riuscire a distendere completamente i corpi cavernosi), mentre nel secondo l’erezione completa, se raggiunta, scompare molto rapidamente. All’interno dei trattamenti oggi disponibili si ricordano le protesi peniene , la chirurgia vascolare e l’utilizzo di sostanze vasoattive, la più nota delle quali è la papaverina (Dèttore, 2001). Causa principale dell’impotenza su base neurologica sono le lesioni del midollo spinale, che interrompono l’arco riflesso stimolante l’erezione, soprattutto se avvengono a livello del tratto lombosacrale.

< h3 id="toc-1">Definizione E Cause Delle Disfunzione Erettile

Quando si ha il sospetto che l’impotenza fondi le sue cause in una patologia neurologica, l’integrità del sistema nervoso può essere accertata misurando i potenziali evocati corticali e sacrali. Per fare ciò la cute del pene è stimolata elettricamente e un elettrodo registra e valuta la reattività del muscolo bulbocavernoso; tramite questo esame si misura il tempo che intercorre tra la stimolazione e la prima risposta a livello muscolare. Un ulteriore esame per differenziare l’impotenza organica da quella psicogena è la monitorizzazione delle erezioni notturne.

impotenza

In un adolescente di 15 anni, infatti, si verificano in media 4 episodi di erezione notturna di circa 30 minuti per notte; un individuo 70enne invece sperimenta solo 2 erezioni per notte e di durata più breve. Disturbi erettili possono essere anche la conseguenza dell’assunzione di alcuni farmaci (antipertensivi, beta-bloccanti, alcuni antiaritmici, alcuni antiacidi, antidepressivi e sonniferi). Lo stesso effetto ha anche l’abuso di alcol e nicotina e l’uso di sostanze stupefacenti come la cocaina. Il disturbo condiziona il benessere psicologico di moltissimi uomini, delle loro famiglie e dei loro possibili partner. La terapia a base di ormoni prevede l’assunzione di testosterone così da riequilibrare un’eventuale carenza. Ecocolordoppler penieno basale e dinamico con farmaco infusione, di prostglandine, che valuta la funzione vascolare del pene.

Rischio Impotenza Per Zuccheri Nel Sangue,un Logaritmo Aiuta

L’impotenza è dovuta a cause ormonali, quando dipende da una di quelle condizioni mediche che alterano la produzione degli ormoni coinvolti nel fenomeno dell’erezione peniena. L’impotenza da cause vascolari è anche detta impotenza vasculogenica o disfunzione erettile vasculogenica. L’erezione peniena è una complessa risposta fisiologica, che rispecchia lo stato di eccitazione sessuale maschile e dipende dall’incastro perfetto di fattori vascolari, endocrini (cioè ormonali), neurologici, muscolari ed emozionali. La sintomatologia classica del deficit erettile è l’inabilità ad ottenere o mantenere l’erezione per il completamento dell’attività sessuale. Un ciclo di trattamento di 6 sedute è sufficiente a garantire buoni risultati nel 75-80% dei casi. Un secondo ciclo di terapia non è quasi mai necessario, ma potrebbe comunque migliorare ulteriormente le performances.

Alla paura si associa aggressività e senso di colpa e di inadeguatezza nei confronti del/la partner, con conseguente paura di abbandono ed evitamento dell’attività sessuale, vissuta esclusivamente come fonte di sofferenza e squalifica. La reazione di allarme è un meccanismo molto importante coinvolto nell’eziologia e nel mantenimento dell’impotenza. Questa si esplica quando interviene il sistema nervoso simpatico , antagonista del sistema parasimpatico che sostiene l’erezione, che agisce da “estintore” per l’eccitazione, facendo defluire il sangue dalla zona genitale verso i muscoli di gambe e braccia, preparando così il corpo per la reazione di attacco/fuga.

Alcuni uomini che soffrono di disfunzione erettilepossono riuscire ad avere l’erezione solo durante la masturbazione o al risveglio. Siamo nella sfera sessuale maschile e per impotenza si intende una disfunzione erettile che non consente un rapporto sessuale normale e soddisfacente per la coppia. Le malattie endocrine più strettamente correlate all’insorgenza della disfunzione erettile sono l’ipogonadismo e l’iperprolattinemia.

impotenza

Il nitrossido attiva a sua volta il GMP ciclico che stimola il rilassamento delle fibre muscolari dei corpi cavernosi del pene e favorisce la vasodilatazione delle arterie del pene. Quando è intesa come disfunzione erettile, viene definita “impotentia erigendi” e non va confusa con la “impotentia generandi” e la “impotentia coeundi”. Nella “impotentia erigendi” il paziente non riesce ad avere un’erezione e quindi a compiere l’atto sessuale; nella “impotentia generandi” c’è impossibilità fisica di generare prole perché si è in presenza di azoospermia, oligospermia , astenospermia o astenozoospermia (ridotta motilità degli spermatozoi) o da un’anomalia degli spermatozoi. In generale, c’è un’incapacità a dar vita a un embrione vitale; nella “impotentia coeundi”, infine, si è di fronte a un’impossibilità fisica di eiaculare, ma con una normale capacità erettiva.

Che Cosè La Disfunzione Erettile?

Non ha mai tradito o lasciato la fidanzata, pur essendo tremendamente infelice, perché il sesso lo atterrisce. Ha sempre avuto paura della sessualità mordi e fuggi e si è rintanato in una relazione tiepida e grigia pur di non affrontare le sue paure sessuali, la sua erezione zoppicante e il suo già diagnosticato deficit erettivo. Esistono diversi farmaci che possono aiutare a ritrovare una vita sessuale soddisfacente purché si agisca anche sullo stile di vita, tenendo sotto controllo peso, glicemia e colesterolemia.

Come capire se la disfunzione erettile e psicologica?

Erbe officinali: gli afrodisiaci sono il viagra naturale Una tra le erbe officinali che più ha suscitato interesse negli ultimi tempi é la Maca Lepidium meyenii Walp , una pianta con radice tuberosa diffusa in Sud america, in particolare modo sulle alture Peruviane.

Tra i numerosi fattori che sembrano contribuire a determinare il verificarsi di un deficit erettile postoperatorio, l’età e la tecnica operatoria rappresentano le determinanti di maggiore importanza. La possibilità di effettuare interventi di chirurgia nerve-sparing, con risparmio del fascio vascolo-nervoso ha di molto ridotto questo tipo di complicanze. In linea generale questa procedura è applicabile nei pazienti che presentano un tumore confinato alla prostata. Attualmente la prostatectomia radicale nerve-sparing dovrebbe essere considerata la tecnica di scelta nella maggior parte degli uomini candidati alla chirurgia prostatica per tumore. In alcuni casi selezionati, comunque, è richiesta un escissione più completa del fascio vascolo-nervoso, ad esempio quando il paziente è anziano, quando presenta già disfunzione erettile preoperatoria o quando il tumore è esteso oltre la capsula prostatica.