Uncategorized

Perché L’eiaculazione Non Sia Precoce

L’eiaculazione precoce consiste nel presentarsi, persistente o occasionale, di eiaculazione in seguito a stimolazione sessuale anche minima, prima (“ante portam”), durante o poco dopo la penetrazione e comunque prima di quando il soggetto desidererebbe. Per esempio, gli uomini che hanno un’eiaculazione retrograda possono chiedere che vengano rimosse le cellule spermatiche dalle loro urine. Anche alcune malattie possono portare ad aspermia, specialmente negli uomini più anziani. Tra le possibili cause ci infezioni e trattamenti precedenti per altre malattie come le radiazioni per il cancro alla prostata. Tra le altre cause ci sono i farmaci , la radioterapia, i danni ai nervi, il testosterone basso e le lesioni del midollo spinale. Anche altre condizioni che danneggiano i nervi del pene, così come alcuni disturbi mentali e alcuni farmaci utilizzati per trattare i disturbi mentali, possono incidere sulla capacità di eiaculare.

  • Fra gli effetti collaterali del farmaco c’era anche una sensibile riduzione della libido maschile e femminile .
  • Frequentemente nei pazienti giovani l’eiaculazione precoce è complicata da disturbi dell’erezione; per converso, si è dimostrato che alcuni pazienti possono soffrire di eiaculazione precoce successiva al disturbo dell’erezione in circa il 27% dei casi.
  • Va assunta 1 ora e mezza- 2 ore prima del rapporto con una durata del suo effetto di circa 4 ore.
  • Nella pratica clinica noto che è presente spesso una componente psicologica importante che si aggiunge dopo l’insorgere dei primi disturbi di tale patologia.

La presente guida non intende in alcun modo sostituirsi al parere di medici o di altre figure sanitarie preposte alla corretta interpretazione dei sintomi, a cui rimandiamo per ottenere una più precisa indicazione sulle origini di qualsiasi sintomo. L’eiaculazione dolorosa può essere più o meno distinguibile da un dolore orgasmico, che riconosce generalmente un’eziologia neurologica.

Cause Biologiche Dell’eiaculazione Precoce

L’eiaculazione dolorosa si può riscontrare anche in caso di cancro alla prostata, epididimite, iperplasia prostatica benigna, orchite e malattie a trasmissione sessuale. Non è escluso, inoltre, che questa manifestazione possa derivare da disturbi psicologici . Infatti può verificarsi anche in seguito ad un processo infiammatorio batterico o non batterico della ghiandola prostatica, ovvero in presenza di una prostatite. Infatti la prostatite può manifestarsi in tutte le fasce di età, ma soprattutto tra i 18 ed i 50 anni, e si può presentare del tutto asintomatica e rivelarsi solamente attraverso l’eiaculazione precoce. E queste affermazioni sono confermate dalla letteratura scientifica e medica e sono state oggetto di discussione dell’ 83° Congresso della Societa’ Italiana di Urologia .

Fai sapere loro qual è il problema, che tipo di stress o preoccupazioni hai e cosa possono fare per aiutarti. Se stai lottando per farlo, la consulenza di coppia può essere un buon ambiente per iniziare una discussione in uno spazio sicuro. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un farmaco è necessario contattare il proprio medico.

< h3 id="toc-1">Oggi Leiaculazione Precoce Si Può Curare

Vanno trattate prima possibili cause “organiche”, come per esempio il frenulo breve, se presente, o le prostatiti. Nel primo caso inizia, come detto, con la prima esperienza sessuale e permane tutta la vita, di solito con l’eiaculazione che avviene prima della penetrazione o al massimo 1-2 minuti dopo di essa. Ci sono diverse tecniche o metodi comportamentali che possono essere molto utili per trattare questa patologia.

Cosa significa se l’uomo viene subito?

Si verifica quando l’uomo eiacula in seguito a una minima stimolazione sessuale, prima o subito dopo la penetrazione, solitamente in un tempo di meno di un minuto.

Il medico può raccomandare delle esercitazioni al paziente e al proprio partner, si tratta di alcune tecniche per aiutare a ritardare l’eiaculazione. Ad esempio, si può imparare a identificare e controllare le sensazioni che portano maggior piacere e accelerano l’eiaculazione. E si può imparare a comunicare con il partner per rallentare o fermare la stimolazione sessuale. Si può provare a utilizzare un preservativo ritardante per ridurre la sensazione di stimolazione sensoriale.

Eiaculazione Senza Sperma O Aspermia: Spiegazioni, Cause E Soluzioni

L’eiaculazione precoce rappresenta l’eiaculazione incontrollata ed involontaria prima, durante o subito dopo la penetrazione sessuale. Avviene con minima stimolazione sessuale e prima che l’uomo lo desideri, di solito entro un minuto dalla penetrazione. Essa può comportare rapporti sessuali insoddisfacenti per entrambi i partner e ciò può aumentare l’ansia che sopraggiunge ad aggravare il problema. L’eiaculazione precoce è un disturbo sessuale che colpisce un’alta percentuale di uomini arrecando imbarazzo, disagio e frustrazione. Per curare questo specifico problema e riuscire a godere appieno del rapporto sessuale senza doversi preoccupare della rapidità con cui l’amplesso potrebbe terminare, è possibile adottare diverse metodologie.

eiaculazione

Il primo passo sono le “Terapie comportamentali” , nelle quali è indispensabile la collaborazione della partner, anche se mancano studi a lungo termine sulla loro validità. Le cause sono sconosciute ma si associa spesso ad ansietà e può essere correlata ad ipersensibilità peniena. Di frequente è associata al Deficit Erettile perché la paura di fallire la performance può portare all’eiaculazione precoce. Va quindi in questi casi affrontato prima il problema del deficit di erezione.

Ciò viene effettuato attraverso una serie di tecniche o di esercizi fisici che permettono di far acquisire sicurezza e far rilassare il soggetto. Quando alla fine ciò avviene, dato che la problematica persiste, spesso si è provato a curarsi in maniera autonoma e con tentativi che possono essere dannosi per la salute a causa dell’impiego di farmaci non autorizzati. Sarà importante rafforzare anche la vostra autostima sessuale e superare le vostre insicurezze per arrivare a considerarvi, finalmente, uomini normali che approcciano il rapporto sessuale senza quelle ansie e quelle paure che spesso vi bloccano fino a farvelo evitare. Essa consiste nel bloccare l’eiaculazione un attimo prima che si presenti comprimendo per qualche secondo con due dita la zona del pene sotto il glande. In questo modo la persona impara a riconoscere le sensazioni che precedono l’orgasmo e l’eiaculazione, così in lui si può instaurare un “nuovo apprendimento”. Agli esercizi Kegel di base devono gradualmente seguire gli esercizi di sviluppo della forza, vale a dire che si eseguiranno gli esercizi ogni due giorni aumentando pian piano sia il numero delle contrazioni sia il numero delle ripetizioni che il tempo di tensione del muscolo pubococcigeo.

Frequentemente sono proposti ad un costo assai elevato, quasi ad attestarne in qualche modo la sicura efficacia. Il farmaco deve essere assunto al bisogno, da una a tre ore prima del rapporto sessuale, con un abbondante bicchiere di acqua e puo’ essere impiegato in età superiore ai 18 anni. Deve essere sempre utilizzato sotto controlllo medico e per l’acquisto in farmaci è necessaria la ricetta medica. Rimane il fatto che oggi esistono coppie che possono vivere con disagio i rapporti sessuali troppo veloci.

eiaculazione

La frequentazione reciproca, la confidenza, l’abitudine ad avere rapporti sessuali infonde sicurezza e dà tranquillità e ciò permette, solitamente, di recuperare padronanza nel gestire le proprie emozioni e adattare i tempi del piacere alle esigenze della coppia. Peraltro l’unico parametro veramente valutabile è il cosiddetto “tempo di latenza”, che il tempo che passa dalla penetrazione alla eiaculazione. Si è visto che il paziente riesce con buona approssimazione a valutare il proprio tempo, controllato al cronometro. Peraltro, per valutare la patologia, esistono dei questionari validati che cercano di integrare sia l’aspetto “temporale” che personale. Infatti la durata del rapporto non è di per se, condizione sufficiente per valutare la presenza della patologia.

Oltre al trattamento farmacologico, è possibile abbinare una serie di esercizi per migliorare il riflesso eiaculatorio precoce che stimolino un maggior controllo del muscolo pubococcigeo. In alcuni casi possono essere utilizzate sostanza blandamente anestetizzanti il prepuzio o il glande, . In alcuni casi si è vista efficace l’azione sull’eiaculazione dei farmaci inibitori del re-uptake della serotonina , normalmente usati come antidepressivi con discreti allungamenti dei tempi eiaculatori.

Come fermarsi prima di venire?

La tecnica dello stop start prevede che l’uomo assuma una posizione comoda, possibilmente sdraiato sulla schiena, in modo da favorire la concentrazione sulle sensazioni piacevoli che prova mentre è stimolato dalla partner. Quando l’uomo si sente vicino al piacere orgasmico, deve chiedere alla partner di fermarsi.

In altre parole l’uomo tende a masturbarsi in maniera “veloce”, abituando il proprio corpo ad una velocizzazione del processo orgasmico, che poi non manca di attuarsi anche nel rapporto sessuale con il partner. In questi casi, gli esercizi per il pubococcigeo possono tornare utili, poiché, fatti in modo corretto, permettono una maggiore consapevolezza ed un maggior controllo della zona pelvica e del muscolo pubococcigeo. L’eiaculazione precoce rappresenta il disturbo sessuale maggiormente presente nel maschio e rappresentato in tutte le età.

A livello terapeutico se si associa la terapia medica a quella psicologica la percentuale di guarigione è intorno all’85%, per contro, trascurare il problema può causare notevoli disagi nella vita di una persona. Utilizziamo i cookie per garantire che vi diamo la migliore esperienza sul nostro sito. E’ allora che si cominciano a mettere in atto soluzioni che si credono utili al superamento del problema mentre invece lo mantengono o lo aggravano. La partner spesso non sa che ruolo svolgere e quindi limita le sue azioni stimolative sul partner credendo di aiutarlo ma così facendo non fa altro che rinforzare il lui la consapevolezza di non essere uno capace di “fare l’amore”. Se la situazione persiste questa insicurezza può estendersi anche alla capacità di erigere inducendo, per trascinamento, un deficit erettivo.